tennis - serie a1

Selva Alta, è finale scudetto!

I ducali la spuntano a Genova grazie al doppio di spareggio

Angelo Sciarrino

01 Dicembre 2019 - 19:33

Selva Alta, è finale scudetto!

La gioia dei giocatori di Selva Alta

Straordinaria impresa di Selva Alta! I vigevanesi hanno conquistato un risultato storico e insperato alla vigilia. Sabato e domenica prossima a Lucca il circolo cittadino si contenderà il titolo tricolore affrontando il Vela Messina. Nel return match di quest'oggi i ducali sono riusciti a spuntarla aggiudicandosi il doppio di spareggio contro il Park Genova dopo che l'incontro si era concluso con lo stesso risultato dell'andata, ma a parti invertite, 4-2 a favore dei liguri.

Ma andiamo con ordine. Le cose si mettevano inizialmente bene per Selva Alta grazie a uno splendido Roberto Marcora che si prendeva una bella rivincita su Simone Bolelli superandolo in due set con un netto 64 62. Anche Mager si “vendicava” della sconfitta subita a Vigevano per mano di Filippo Baldi (64 61), ma il punto portato in dote dal bustocco dava estrema fiducia a tutto l'ambiente ducale. Lorenzo Musetti lasciava solo due game al nostro Davide Dadda (61 61), ma nell'ultimo singolare Antoine Hoang bissava il successo su Pablo Andujar, stavolta sulla superficie preferita dallo spagnolo (64 36 63). A questo punto il pareggio (3-3), risultato sufficiente per conquistare la finale scudetto, sembrava a portata di mano dei vigevanesi che potevano schierare un doppio molto forte come Baldi/Hoang. Invece i due soccombevano a Mager/Giannessi (64 62), come pure non c'era nulla da fare per Marcora/Dadda, superati (61 61) da Bolelli/Musetti. 4-2 per Genova e la sfida si prolungava al match di spareggio. La tensione, facile immaginarlo, si tagliava con il coltello. I capitani delle due formazioni decidevano di riproporre Mager/Giannessi da una parte e Baldi/Hoang dall'altra. Ovviamente, visto l'esito della prima partita, il Park Genova aveva tutta l'inerzia a favore. Baldi, però, reagiva con grande carattere a una giornata fino a quel momento storta e, con l'apporto del francese, il doppio di Selva Alta iniziava a battagliare alla pari di Mager/Giannessi i quali dovevano sudarsi il primo set (75), ma poi perdevano nettamente il secondo (62). Tutto veniva dunque deciso da un emozionantissimo super tie-break che si chiudeva con il trionfo di Selva Alta con il punteggio di 11-9, dopo che i liguri avevano avuto due match ball a favore. Indescrivibile l'entusiasmo dei numerosi supporter che hanno seguito la squadra a Genova e che adesso si preparano a un'altra epica trasferta: obiettivo, lo scudetto!

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

"Aquile randagie"

il trailer di "Aquile randagie: gli Scout che si ribellarono al Fascismo"

Shoah, al cinema Odeon tre film per non dimenticare

giornata della memoria

IL 2020 SECONDO LA NUMEROLOGIA

IL 2020 SECONDO LA NUMEROLOGIA

Previsioni per il nuovo anno

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

il festival

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

il laboratorio

Renato Tassiello, “Il sognatore”

Renato Tassiello, “Il sognatore”

debutto discografico

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

fino a domenica

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

storie di lomellina

Dall’Io verso la città-polis

Silvano Petrosino, professore di Filosofia della Comunicazione alla Cattolica di Milano

Dall’Io verso la città-polis

le conferenze

La grande arte? La si vede al cinema

La grande arte? La si vede al cinema

dal 14 gennaio