Acquistati con il ricavato di uno spettacolo di Natale al Cagnoni

Quattro monitor in dono dal Rotary Mede-Vigevano alla Pediatria

Le apparecchiature, del valore di quasi 11 mila euro, sono state consegnate questa mattina

Claudio Bressani

12 Marzo 2019 - 16:04

Il Rotary Club Mede-Vigevano ha consegnato questa mattina al reparto di Pediatria quattro monitor portatili multiparametrici del valore di quasi 11 mila euro, donati con il ricavato del musical con la compagnia “La Goccia” organizzato il 20 dicembre scorso al Cagnoni. È un altro passo verso l’ammodernamento tecnologico di un reparto che negli ultimi anni, pezzo dopo pezzo, sta cambiando pelle grazie alle frequenti donazioni benefiche provenienti da associazioni e privati. I monitor consentono di rilevare in continuo i parametri vitali di temperatura, pressione, frequenza cardiaca e saturazione sanguigna.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni