le immagini

"Fridays for Future": partita la marcia dei giovani gambolesi

La manifestazione degli studenti della scuola media dell’I.C Robecchi

Ilaria Dainesi

15 Marzo 2019 - 12:32

In piazza Cavour leggeranno davanti alle autorità comunali il seguente messaggio

Egregio Sig. Sindaco
Siamo le alunne e gli alunni della scuola media dell’Istituto Comprensivo G. e G. Robecchi, e Le scriviamo per comunicarLe perché abbiamo deciso di partecipare allo Sciopero Globale Mondiale per il Clima che questa mattina vede scendere in piazza studenti di tutto il mondo.
I cambiamenti climatici dovuti al riscaldamento globale stanno minacciando il nostro pianeta, ma purtroppo in pochi si stanno muovendo per mettere un freno a questo processo che, senza farsi notare in maniera troppo evidente, ma inesorabilmente, sta modificando l’habitat di tutte le specie viventi e quindi la possibilità di sopravvivenza.
Noi giovani siamo vittime di comportamenti che gli adulti hanno messo in atto e gli stessi adulti stanno facendo troppo poco per cercare di rimediare.
Per questo questa mattina siamo scesi in piazza, per manifestare, seguendo l’esempio della quindicenne svedese Greta Thumberg, che è arrivato il momento di passare all’azione.
E come la stessa Greta ha detto: "Abbiamo certamente bisogno di speranza. Ma l'unica cosa di cui abbiamo bisogno più della speranza è l'azione. Una volta che iniziamo ad agire, la speranza si diffonde. Quindi, invece di cercare la speranza, cerchiamo l'azione. Allora e solo allora, la speranza arriverà."
La nostra speranza è che ogni cittadino di Gambolò prenda coscienza del problema e cominci ad agire per quanto riguarda la scelta di uno stile di vita sostenibile.
Sappiamo quanto, per esempio, la scelta del mezzo di trasporto idoneo incida sulla produzione di gas serra.
Noi siamo disposti ad usare maggiormente la bicicletta, anche per venire a scuola; ma abbiamo bisogno di maggior sicurezza nelle strade e della presenza di piste ciclabili, soprattutto per chi abita nelle zone più periferiche, dove le direttrici maggiormente trafficate rendono più pericoloso il percorso.
Ci piacerebbe inoltre che venissero piantati molti più alberi affinché, oltre ad aiutare a ridurre la concentrazione di CO2, si possa godere di maggiori zone ombreggiate, per affrontare le prossime estati che saranno sempre più calde.
Ecco, queste sono le nostre aspettative.
A Voi le scelte e le azioni.
La ringraziamo per averci prestato attenzione e, conservando la speranza, La salutiamo.
Le studentesse e gli studenti della Scuola Media di Gambolò

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni