la celebrazione

25 aprile, a Vigevano nessun "derby"

Manifestazione in Castello: pubblico numeroso e condivisione

Bruno Ansani

25 Aprile 2019 - 13:33

25 aprile 2019, le celebrazioni

La celebrazione del 25 aprile in Castello

Non c'era proprio aria da derby questa mattina in Castello, per le celebrazioni del 25 aprile, Festa della Liberazione. La posizione di equidistanza del ministro degli Interni non l'ha condivisa nessuno e, anzi, come ogni anno, Vigevano ha condiviso il proprio 25 aprile con la partecipazione di tutti. Il sindaco leghista, Andrea Sala, ha partecipato (come sempre) alla manifestazione, insieme a diversi rappresentanti dell'amministrazione, così come buona parte dei consiglieri comunali di minoranza. In Castello, dopo la posa delle corone alle lapidi degli antifascisti fucilati (ora tutti hanno potuto vedere l'incredibile errore su quella dedicata a Giovanni Leoni, morto nel 1943 e non a ottobre del '45), la parte dedicata ai discorsi. Quattro studenti del Liceo Cairoli (con la collaborazione di Anpi Vigevano e del docente Luigi Fusani) hanno letto brani riguardanti gli ultimi giorni a Milano prima dell'insurrezione e l'inutile fuga di Mussolini "per salvare almeno la pelle", oltre a un brano di Renata Viganò su "L'Agnese va a morire", dedicato al ruolo delle donne nella Resistenza. I rappresentanti dell'associazione culturale Officina hanno letto e commentato un a poesia partigiana. Ma a strappare gli applausi è stato l'indomito Giovanni Ramazzina, figlio di partigiano, che con parole semplici ha ricordato perchè il 25 aprile si fa festa: fu la vittoria del bene contro il male. La celebrazione era iniziata con l'intervento del sindaco, che ha voluto ricordare le parole del presidente Mattarella e il riferimento a una storia "che non deve essere revisionata. il 25 aprile è giornata dedicata ai valori e su questo voglio riflettere", ha detto Sala. Per il sindaco oggi la questione è trasmettere i valori fondanti della Liberazione ai giovani. I valori, inoltre, vengono minati da situazioni internazionali, dall'economia. Questo mina le radici e i valori identitari di una nazione, il senso della democrazia. Se noi oggi siamo liberi è perchè ci sono persone che hanno fatto un percorso storico importante, dobbiamo valorizzare il senso della Resistenza e della Liberazione e trasmetterlo ai giovani".

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Giovanni Merlino, presidente di Federalberghi Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Pavia

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

e-book