il caso

Colombarola: c'è il "no" della Soprintendenza

Parere negativo sull'impatto paesaggistico del nuovo centro commerciale

Bruno Ansani

14 Giugno 2019 - 11:49

Progetto Colombarola

La simulazione grafica del polo commerciale alla Colombarola

Lunedì sera la variante urbanistica verrà approvata, ma sul progetto di nuovo polo commerciale alla cascina Colombarola (viale Industria-via El Alamein) incombe un parere negativo - inviato tra fine maggio e inizio giugno - della Soprintendenza alle Belle Arti. Il provvedimento ha esito negativo "in quanto l'intervento, nella modalità proposte, appare, oltre che carente di documentazione giustificativa, non compatibile per collocazione e tipologia con i valori paesaggistici delle aree soggette a tutela. Inoltre, vista l'entità dell'area di intervento, si chiede altresì una preventiva valutazione e verifica preventiva dell'interesse archeologico della zona". Questa la sintesi conclusiva del parere che, nel "preavviso di provvedimento negativo",  articolato in vari punti, si evidenzia, ad esempio, come l'inserimento di tali volumi commerciali siano "avulsi al contesto di riferimento, spingendo ad un'ulteriore consumo del suolo" e che il carattere seriale degli edifici prefabbricati previsti amplino "l'effetto estraniante ed impattante con il contesto paesaggistico e le peculiarità degli immobili esistenti". Criticato anche il trattamento cromatico delle facciate, la mancanza di uno studio agronomico "sulla possibilità reale di inserire la vegetazione promessa". Va detto che il percorso che riguarda la variante è formalmente indipendente dall'iter paesaggistico, quindi lunedì il consiglio comunale può procedere all'approvazione, anche se è evidente che la rivelazione del parere della Soprintendenza alimenta le perplessità. E' stato il consigliere Valerio Bonecchi (Per Vigevano) a sollevare la questione nella seduta della competente commissione consiliare di lunedì: i pareri e le risposte di Comune e operatore non erano infatti allegati alla documentazione consegnata ai consiglieri comunali. Il parere negativo delle Belle Arti, insomma, non era stato reso pubblico. Da parte del Comune è già stata inviata una replica al Soprintendente Luca Rinaldi, rilevando che le riunioni della commissione paesaggistica non avevano fatto emergere le criticità evidenziate e che nell'ambito del procedimento sull'assoggettabilità dell'intervento a Vas, la Soprintendenza venne invitata ma non partecipò. Anche la proprietà del terreno e presentatrice del progetto, la Fi.Ma immobiliare di Vigevano ha inviato una osservazione al Soprintendente con la quale si contestano nel merito i rilievi e si sostiene che il provvedimento è tardivo e non rispetta ai termini di legge dei 45 giorni previsti dopo l'invio della documentazione da parte del Comune per l'ottenimento di un parere.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

sabato sera

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

La luna e i falò riflessi ai Tre Laghi

La luna e i falò riflessi ai Tre Laghi

A Gravellona

Numeri da record per la festa di Sant'Antonio

Numeri da record per la festa di Sant'Antonio

al Gifra

San Getulio, premiato l’ex sindaco Francesco Marinone

San Getulio, premiato l’ex sindaco Francesco Marinone

gambolò

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

sabato sera

Premio "Lelio Luttazzi" alla mortarese Caterina Comeglio

Caterina Comeglio

Premio "Lelio Luttazzi" alla mortarese Caterina Comeglio

il riconoscimento

L'intervista di Simona Ravasi

Festa dell’aria nel nome di Leonardo

la manifestazione