il modulo di Adiconsum

Come richiedere i rimborsi per le bollette a 28 giorni

La vicenda è iniziata nel 2015 ed è fruttata alle compagnie telefoniche più di 13 miliardi.

Paolo Vella

06 Novembre 2019 - 16:58

Come richiedere i rimborsi per le bollette a 28 giorni

Il trucchetto delle fatture mensili convertite a 28 giorni è stato per i consumatori una beffa contro la quale l’Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) si è battuta senza ottenere grandi risultati. La vicenda è iniziata nel 2015 ed è fruttata alle compagnie telefoniche più di 13 miliardi. Oltre alle multe – che ammontano allo 0,02% di quei ricavi – le aziende sono state obbligate a rendere disponibili procedure per il rimborso. Ecco chi può chiederlo e come farlo in maniera semplificata.

Lo scorso luglio il Consiglio di Stato ha confermato la delibera dell’Agcom sui risarcimenti ai consumatori per la fatturazione dei contratti di telefonia fissa, modificata a 28 giorni dalle compagnie telefoniche, dal 2017 al 2018. È stata consacrata così la possibilità di chiedere il rimborso attraverso le stesse compagnie telefoniche, ora obbligate, o le associazioni dei consumatori.

Nel 2015 le compagnie telefoniche hanno modificato la cadenza della fatturazione mensile, portandola a 28 giorni e guadagnando, di fatto, un mese in più all’anno. L’Agcom ha reagito con una multa, poi dimezzata dal Consiglio di Stato a 580mila euro per ogni società coinvolta (Vodafone, Tim, Wind-Tre e Fastweb). Alla fine del 2017 il governo Renzi ha introdotto un decreto che vietava la fatturazione a 28 giorni, ma le compagnie telefoniche hanno reagito aumentando le tariffe mensili. Attualmente l’Autorità per le comunicazioni non è riuscita a richiedere una modifica di tali costi, perché le offerte di telefonia sono legate al libero mercato. «Fino a ora le aziende di telefonia si sono preoccupate di proporre ai propri clienti soluzioni alternative ai rimborsi - spiega Adiconsum, l’Associazione Difesa Consumatori e Ambiente - con offerte di prodotti e servizi gratuiti, attraverso facili adesioni, riservando, invece, procedure più complesse per recuperare sulle bollette successive quanto ingiustamente pagato». L’Associazione ha deciso di sopperire a questa situazione e sul suo sito (https://www.adiconsum.it/reclama/) è ora disponibile un modulo per richiedere – tramite i suoi consulenti e in forma semplificata – il rimborso alla propria compagnia telefonica. L’Adiconsum raccoglierà le domande e le invierà ogni 15 giorni (il 15 e il 30 di ogni mese) alle aziende corrispondenti, in modo che queste effettuino i risarcimenti. 

I rimborsi riguardano solo i contratti di telefonia fissa che hanno subito il passaggio di fatturazione tra giugno 2017 – data in cui l’Agcom aveva diffidato le compagnie dall’applicare la fatturazione a 28 giorni – e aprile 2018. Non riguarda i contratti di telefonia mobile, né altri tipi di utenza come luce e gas o pay tv. L’unica eccezione riguarda le offerte convergenti alla rete fissa: se il pacchetto sottoscritto riguardava anche telefonia mobile e altri servizi, allora c’è la possibilità di chiedere la restituzione anche di quelle somme. Altra condizione per usufruire del servizio è di non aver già richiesto il rimborso in precedenza alla propria compagnia.

Il modulo disponibile sul sito di Adiconsum è molto semplice da compilare, bisogna solo ricordarsi di essere muniti di codice cliente e del numero di rete fissa per il quale si richiede la restituzione dell’indebito.

Chi ha cambiato operatore non potrà avvalersi del modulo semplificato e dovrà richiedere la procedura di conciliazione, secondo le modalità indicate da ciascuna compagnia.
Secondo le stime delle associazioni dei consumatori, i rimborsi dovrebbero variare da un minimo di 20 euro ad un massimo di 60 euro.

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Nikola Tesla Exhibition

Nikola Tesla Exhibition

a milano

Leiji Matsumoto a Torino per i quarant’anni di Capitan Harlock

Leiji Matsumoto a Torino per i quarant’anni di Capitan Harlock

L'evento

"La Bella e la Bestia", un musical per Il Grillo

"La Bella e la Bestia", un musical per Il Grillo

Vigevano

Paolo Cevoli e “La sagra famiglia”

Paolo Cevoli e “La sagra famiglia”

arte dei comici

Milano Partecipa: l'evento dedicato all’attivismo civico nell’era digitale

Milano partecipa

Milano Partecipa: l'evento dedicato all’attivismo civico nell’era digitale

il laboratorio

Far da mangiare. Festival della cucina 2019

Far da mangiare. Festival della cucina 2019

allo Spazio MIL, Sesto San Giovanni (MI)

La conferenza stampa di presentazione

La conferenza stampa di presentazione

Milano Music Week, al via la terza edizione

Dal 18 al 24 novembre

Arrivano gli "Odeon Days": 2 giorni di cinema a 3 euro

Arrivano gli "Odeon Days": 2 giorni di cinema a 3 euro

l'iniziativa

“La Bella e la Bestia”: un musical per Il Grillo

“La Bella e la Bestia”: un musical per Il Grillo

al teatro Cagnoni