Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Vigevano, la presentazione questa mattina dell'assessore Antonello Galiani

Un convegno per lanciare il progetto "Family lab"

Da gennaio attività rivolta ai bambini speciali al nido Gioia

Claudio Bressani

Email:

claudio.bressani@ievve.com

30 Novembre 2021 - 15:51

Un convegno per lanciare il progetto "Family lab"

Un convegno in programma sabato dalle 9 all’auditorium Mussini di viale Libertà sarà l’atto conclusivo della quarta edizione de “La città dei e per i bambini”, la cornice nella quale cui il Comune raccoglie le iniziative educative rivolte alla fascia d’età zero-sei anni. Il titolo, “Tutti siamo diversi”, è stato scelto non a caso, visto che venerdì sarà la giornata internazionale delle persone con disabilità. Sabato sarà illustrato alle famiglie “Family lab” un nuovo laboratorio d’inclusione rivolto ai bambini “speciali” all’interno degli spazi dell’asilo nido Gioia in corso Togliatti.

L’ha presentato questa mattina l’assessore alle politiche educative e vice sindaco Antonello Galiani, affiancato dal sindaco Andrea Ceffa, dall’assessore ai servizi sociali Marzia Segù, da Lorenzo Fusani, responsabile della cooperativa Start, che gestirà l’attività, e da Roberta Matti, responsabile facente funzione del servizio educativo dopo che da qualche settimana è andata in pensione Eliana Manzini, tra i fautori dell’iniziativa insieme allo stesso Galiani.

«Family lab - ha spiegato l’assessore - funzionerà tutti i mercoledì pomeriggio dalle 16 alle 18, da gennaio fino al 22 giugno, con la presenza di due operatori della cooperativa che organizzeranno attività per il benessere psico-emotivo come laboratori di arteterapia (pittura, scultura), psicomotricità, danzaterapia e musicoterapia. I bimbi accolti con le loro famiglie saranno una quindicina, provenienti dai vari asili e scuole d’infanzia pubbliche e private della città».

«Il nostro obiettivo - ha concluso Galiani - è duplice: da un lato integrare questi bambini più fragili, perché non vogliamo lasciare indietro nessuno, dall’altro dare sollievo alle famiglie, già provate da questi lunghi mesi di pandemia».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400