Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

il caso

Zorzoli, addio ad Asm dopo 5 anni

Le dimissioni dell'amministratore unico, la lettera di saluto con i risultati del lavoro svolto. L'azienda tornerà nella mani di un Cda politico

Bruno Ansani

Email:

bruno.ansani@ievve.com

27 Dicembre 2021 - 17:39

Zorzoli, addio ad Asm dopo 5 anni

Gianluca Zorzoli era amministratore unico di Asm Vigevano Lomellina dall'inizio del 2017

VIGEVANO - "Informo che in data 27 dicembre 2021 ho rassegnato le mie dimissioni da amministratore unico di Asm Vigevano e Lomellina". Inizia così, andando dritta al punto, la lettera inviata alla stampa da Gianluca Zorzoli, dall'inizio del 2017 al timone dell'azienda di viale Petrarca. 

La lettera di Zorzoli che comunica le dimissioni alla città. Cliccando sull'immagine si può ottenere la versione completa in Pdf

Zorzoli con l'allora sindaco Andrea Sala al momento della nomina alla guida di Asm

LO SCENARIO

Prima di tutto va ricordato come e perché Zorzoli (e non solo lui) arrivò alla guida di Asm. Dopo gli anni della solida gestione dell'avvocato Ferrari Bardile, i cambiamenti arrivano con le elezioni del 2015, con la rielezione a primo cittadino di Andrea Sala. Cambiano i vertici dell'azienda e nessuno dei due finirà bene: Paolo Iozzi ad Asm Isa non dura molto, sfiduciato dal Cda. Alla holding approda l'attuale consigliere regionale leghista Roberto Mura. E iniziano gli scontri con la struttura comunale e il sindaco stesso, che portano in pratica alla destituzione di Mura, che poi farà causa alla città, chiedendo mezzo milione di euro di risarcimento. Se qualcuno non capisce il perchè della guerra permanente tra Sala e il potentato di San Genesio l'origine è tutta in questa vicenda. Ed è a inizio 2017 che il sindaco di Vigevano decide di escludere momentaneamente la politica dalla gestione della partecipata, affidando l'azienda nelle mani di un commercialista sconosciuto alla politica come Gianluca Zorzoli e Asm Isa all'architetto Giorgio Tognon. Una soluzione che permette all'azienda di riprendersi dalle scosse che l'avevano messa a rischio e di risolvere alcuni problemi aperti da anni. 

Con l'elezione del nuovo sindaco, Andrea Ceffa, si sapeva che la musica sarebbe cambiata, che il nuovo primo cittadino avrebbe voluto riportare una gestione politica e collegiale, soprattutto in Asm Vigevano Lomellina. Il posto di Tognon, per il momento, non pare in pericolo, ma i giorni di Zorzoli, si sapeva, erano contati e il sindaco si aspettava un passo indietro dell'amministratore già da qualche mese. Con l'anno nuovo arriverà anche un consiglio di amministrazione, a meno che altri intralci politici o considerazioni sui costi che l'operazione comporterebbe non consiglino diversamente l'amministrazione (senza dimenticare i comuni soci, che hanno comunque voce in capitolo).

LA LETTERA DI ZORZOLI

"Le dimissioni - scrive Zorzoli - sono essenzialmente dovute alla naturale conclusione di un percorso di riorganizzazione della società e del gruppo ASM, che mi è stata esplicitamente richiesta dai Soci in qualità di “tecnico” e che mi ha coinvolto costantemente a partire dal febbraio 2017 per quasi 5 anni. Nel corso del mio mandato, pur con tutte le difficoltà derivanti dalla gestione precedente, si sono realizzate importanti operazioni di consolidamento ed operazioni di riorganizzazione, alcune “obbligate” dalle leggi vigenti, altre strategicamente importanti.

L'ormai ex amministratore unico sottolinea i risultati ottenuti nel corso del suo mandato: "Dal riallacciamento dei rapporti con Pavia Acque, con i conseguenti ingenti lavori sulle reti idriche di Vigevano e Lomellina, allo sviluppo e realizzazione della rete in fibra ottica, videosorveglianza di sicurezza e in questo periodo l’inizio della realizzazione della ZTL nella città di Vigevano, alla demolizione dell’inceneritore di corso Torino dopo più di 20 anni di immobilismo su questa area. Inoltre dal punto di vista del gruppo, tra le altre: la vendita del 20% delle quote di Lomellina Energia per 7,7 ml di euro, la ripresa della raccolta differenziata in molti Comuni, della cui implementazione e realizzazione ringrazio l’arch. Tognon, la liquidazione e cancellazione della società ASGA con minimi impatti finanziari se non quelli già esistenti, la creazione per scorporo di ramo d’azienda della società Vigevano Distribuzione Gas ai fini della gara che si dovrà affrontare. Infine la gestione dell’annosa problematica ASM ENERGIA, le cui azioni del partner privato precedente sono state acquisite nel corso del 2019 dal gruppo A2A, dopo aver ricevuto dal consiglio comunale la delibera di esercizio del diritto di prelazione, diritto poi negato dal TAR. Sulle azioni di ASM ENERGIA nel 2022 la città di Vigevano dovrà effettuare una scelta molto importante, ovvero il mantenimento del 55% delle azioni di proprietà o l’esercizio dell’opzione di vendita.


Da ultimo, sottolinea ancora Zorzoli,  "il periodo “Covid” che ha portato, guardando sempre e comunque alla sicurezza dei lavoratori e degli utenti, a fornire in ogni momento tutti i servizi essenziali alla cittadinanza. Di questo mi sento di ringraziare tutti i dipendenti, collaboratori esterni ed interni di ASM, senza la cui dedizione molti di quei servizi non sarebbero stati garantiti. Un ringraziamento particolare al direttore, dottor Gabbi, nonché a tutti i responsabili delle divisioni aziendali e del gruppo che hanno collaborato con me. Credo, anzi sono sicuro, di lasciare un gruppo in questo momento molto più solido sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista finanziario rispetto al 2017. Un gruppo che è, e sarà sempre, un punto di riferimento e un esempio per la città di Vigevano".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400