Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

L’iniziativa

Marcia della pace a Vigevano: «La guerra è una follia, fermatevi!»

Promossa dall’associazione Pensare Globalmente Agire Localmente

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

24 Aprile 2022 - 14:29

Sono stati circa 300 i partecipanti alla Marcia per la pace organizzata domenica mattina a Vigevano. L’iniziativa è stata promossa dall’associazione Pensare Globalmente Agire Localmente ed è gemellata con la Perugia-Assisi, quest’ultima organizzata in edizione straordinaria per chiedere di fermare la guerra e la strage di innocenti in Ucraina. I manifestanti si sono dati appuntamento questa mattina alle 9 alla frazione Sforzesca, percorrendo strada dei Rebuffi, fino all’arrivo in piazza Ducale.

 

 

Un’iniziativa, quella di oggi a Vigevano,  ideata con l’obiettivo di «ricreare anche nel nostro territorio una marcia per la pace in concomitanza e con l’appoggio della PerugiaAssisi stessa, per permettere a chi non potesse recarsi a Perugia quel giorno, di manifestare la propria adesione in questo lungo cammino di Pace – spiegano dall’associazione Pensare Globalmente Agire Localmente –  Un percorso che simboleggia il faticoso, arduo, innovativo, ma indispensabile compito di farci tutti costruttrici e costruttori di pace, quella che Michelangelo Pistoletto chiama “la Pace preventiva”. Un concetto filosofico che non scompare in una fragile ideologia, di fronte alle imminenti forze distruttrici e portatrici di guerre, ma offre una concreta prospettiva di cambiamento nella propria forma mentis e nel modo di guardare e interagire col mondo. In questo progetto anche l’Arte assume la responsabilità sociale e un ruolo fondamentale nei percorsi di cambiamento in atto nel pianeta. Motivo e per cui in Piazza Ducale verrà creato la seconda volta il segno del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, simbolo che verrà formato accostando l’una vicino all’altra le bandiere di tutti i Paesi realizzate dagli allievi delle scuole di Vigevano. L’installazione assumerà così la forma de La Bandiera del Mondo 1+1=3 di Michelangelo Pistoletto e Angelo Savarese».

 

Alla marcia hanno aderito diverse associazioni e realtà locali, tra cui Acli Vigevano e provinciale, Anpi Vigevano e Cassolnovo, Articolo Uno, Auser Vigevano e provinciale, Cgil Pavia, Cooperativa Portalupi, Coop Vigevano, Evuz Art, Kore, Il Villaggio di Esteban Mortara, I Maestri Cantori, La Barriera, La Mortara che vorrei, Movimento 5 Stelle, Macondo Aps, Mimoal, Oltremare, Onda Sforzesca Aps, Odedurto.Arte, Retecultura, Slow Food Vigevano e Lomellina, Sinistra Italiana, Sunia Pavia, Vigevano Coraggiosa, Vigevano Sostenibile.

Qui in basso un tweet con le immagini dell'edizione straordinaria della Marcia Perugia-Assisi di oggi, domenica 24 aprile.

«Fermare la guerra – sostengono gli organizzatori – vuol dire negoziare subito, con determinazione, su tutto: il cessate il fuoco, i corridoi umanitari, la fine della guerra, la sicurezza per tutti, il disarmo, il rispetto dei diritti umani di tutti, comprese le minoranze. Tutte le strade vanno percorse. Bisogna dialogare con tutti. È urgente l’apertura di un negoziato multilaterale serio, strutturato, concreto, onesto e coraggioso, sotto l’autorità delle Nazioni Unite. Il Segretario Generale dell’Onu, i responsabili dell’Unione Europea e della politica internazionale lo devono fare ora! Guardando al presente ma anche al futuro. Per salvare la povera gente che è rimasta sotto le bombe. Per scongiurare la catastrofe atomica. Per impedire l’esplosione di una nuova devastante crisi sociale e ambientale. Non c’è obiettivo più importante!».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400