Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Draghi: "Contro il carovita misure eccezionali"

Il presidente del Consiglio ha illustrato le decisioni assunte dal Consiglio dei ministri: provvedimenti per 14 miliardi. Alle persone in difficoltà bonus di 200 euro,  proroga all'8 luglio il taglio delle accise sui carburanti

Bruno Ansani

Email:

bruno.ansani@ievve.com

02 Maggio 2022 - 21:39

Draghi: "Contro il carovita misure eccezionali"

 Il premier Mario Draghi ha illustrato questa sera il decreto aiuti in una conferenza stampa. "I provvedimenti di oggi - ha detto - affrontano il caro-vita, l'accelerazione dei prezzi dipende in larghissima misura dai prezzi dell'energia. E questo significa che si tratta di una situazione temporanea che va affrontata con strumenti eccezionali". Con il decreto aiuti arriverà un contributo una tantum da 200 euro per dipendenti e pensionati fino a 35mila euro di reddito.

"Nel clima di grandissima incertezza che c'è, il governo fa il possibile per poter dare un senso di direzione, di vicinanza, a tutti gli italiani e le azioni, le decisioni di oggi rappresentano bene questa determinazione del governo. In un certo senso, è il senso del governo stesso", ha aggiunto introducendo le decisioni: un pacchetto da 14 miliardi, da aggiungere ai 15 precedenti, per un totale di 30 miliardi, "senza ricorrere a scostamenti di bilancio".

LE MISURE

Il testo del decreto da 50 articoli contiene:

  • Rinnovo del taglio delle bollette e bonus sociale che diventa retroattivo perché eventuali pagamenti di somme eccedenti sarà automaticamente compensato in bolletta una volta presentata l'Isee
  • Sale al 25% la tassa sugli extraprofitti delle grandi aziende energetiche che andrà a finanziare il pacchetto di aiuti per i pensionati e i lavoratori contro l'inflazione
  • Aiuti per gli affitti e anche per i trasporti pubblici
  • Per le imprese arriva, tra l'altro, il sostegno alla liquidità, finanziamenti agevolati per le aziende in difficoltà a seguito della crisi in Ucraina
  • 28 milioni di italiani riceveranno un bonus da 200 euro (fino a 35 mila euro di reddito)
  •  3 miliardi nel 2022, 2,5 nel 2023 e 1,5 per ciascuno degli anni dal 2024 al 2026 per "fronteggiare gli aumenti eccezionali dei prezzi dei materiali da costruzione, nonché dei carburanti e dei prodotti energetici, in relazione agli appalti pubblici di lavori"
  •  proroga al 30 settembre (dal 30 giugno) del termine entro il quale eseguire almeno il 30% dei lavori sulle villette per sfruttare il maxi-incentivo fiscale, e meno paletti nella possibilità di cedere i crediti fiscali da parte delle banche.

 

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400