Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Vigevano

Auto d'epoca e una grande festa per ricordare Lele Levati

Le immagini del memorial di oggi

Davide Maniaci

Email:

dade.x@hotmail.it

22 Maggio 2022 - 19:15

Tante livree dal sapore di antico illuminate dal sole incandescente. Auto d’epoca, 100 totali di ogni tipo, che sfilavano come vere e proprie top model prima per il castello e le altre gemme rinascimentali di Vigevano e poi per le campagne giù fino alla valle del Ticino. Nell’atmosfera di gioia e di festa per un anniversario importante (quello del decennale) rimarrà in tutti i partecipanti, e soprattutto negli organizzatori, un magone che non può passare. Perché questo è il memorial Lele Levati e il protagonista, dal cielo, è stato proprio Lele, giovane vigevanese appassionato di motori scomparso ventotto anni fa in un tragico incidente stradale. Il grande giorno era oggi. Il programma coincide col secondo trofeo “Città di Vigevano”, assegnato alla vettura più bella a insindacabile decisione della giuria.


Gli organizzatori sono i genitori di Lele, Renato Levati e Maria Grazia Trotti. «Siamo partiti dal Castello alle 10 circa - spiegano - e Piazza Ducale è stata attraversata in modo che chiunque possa veder sfilare le auto. L’itinerario ha attraversato Gambolò, Tromello, Garlasco, il parco del Ticino lambendo Borgo San Siro e la Sforzesca prima del ritorno all’ora di pranzo».
A Tromello c'è stata una sosta, dove i partecipanti hanno ricevuto in dono una copia del volume “Come Tromello partecipò all’unità d’Italia”. Tappa anche a Garlasco con doni presso la concessionaria Marchiselli. «Al pranzo, organizzato presso la sala del Duca del Castello - prosegue la famiglia Levati - erano attese più di 200 persone ed è stato arricchito dall’esibizione dei ballerini del gruppo Il Biancofiore. Alcuni partecipanti hanno effettuato una visita guidata delle prigioni del Castello. L’utile che arriva dagli sponsor sarà destinato all’associazione Life». Intanto Lele Levati, da lassù, si godeva auto di un fascino assoluto e la gioia di chi c’era, e voleva ricordarlo stando insieme.

Lele Levati

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400