Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

domenica alle 18

Per San Getulio apre la porta santa

A Gambolò le celebrazioni per i 350 anni dalla traslazione dei resti del patrono

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

29 Maggio 2022 - 00:09

Per San Getulio apre la porta santa

La chiesa dei santi Gaudenzio ed Eusebio a Gambolò (foto di Jose Lattari)

È in calendario per domenica, 29 maggio, la cerimonia per l’apertura della porta santa nella chiesa parrocchiale di Gambolò. La città si sta preparando a festeggiare San Getulio per l’anniversario dei 350 anni dalla traslazione dei resti del martire cristiano, che venne sottoposto alla flagellazione e al fuoco, e poi ucciso a bastonate e decapitato nel II secolo. Le celebrazioni si terranno alle ore 18, alla presenza del vescovo di Vigevano, monsignor Maurizio Gervasoni. Durante la messa, la Corale San Gaudenzio eseguirà alcuni brani dalla "Missa Brevis" di Jacob de Haan.

«Verrà concessa l’indulgenza plenaria – spiega il parroco di Gambolò, monsignor Roberto Radaelli – Chi vuole ottenerla, dovrà passare dalla porta, pregare davanti ai resti del santo e confessarsi. La porta santa rimarrà aperta fino al 12 giugno, quando verrà chiusa nel corso di una cerimonia che sarà sempre presieduta nostro vescovo». I festeggiamenti per San Getulio culmineranno il 10 giugno; oltre alla messa, è in programma una processione per le vie della città. Quest’anno non verrà disputato il tradizionale palio tra le quattro contrade gambolesi (Marina, Santa Iuliana, Giasera e V’gna), ma è prevista comunque la sfilata con i figuranti dei rioni. La cerimonia per il San Getulio d’oro, il massimo riconoscimento che viene consegnato ogni anno a un gambolese illustre, è in calendario per domenica 26 giugno.

La locandina della mostra alla pieve di Sant'Eusebio. Per informazione e per prenotare una visita fuori dagli orari di apertura, contattare direttamente la parrocchia al numero 0381-938206

E resterà aperta fino al 12 giugno la mostra religiosa – dal titolo “Il sangue dei martiri seme dei cristiani” – allestita all’interno della pieve di Sant’Eusebio, dove si trovano esposti una settantina di reliquie provenienti dalle chiese lomelline. La mostra è visitabile la mattina per gruppi e scolaresche, e al pomeriggio dalle 15 alle 17,30. Per prenotare, contattare la parrocchia di Gambolò.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400