Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

lomellina

Clir insolvente: c’è la richiesta di fallimento

Debiti per oltre 6 milioni e mezzo di euro

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

30 Maggio 2022 - 19:10

Clir insolvente: c’è la richiesta di fallimento

Alcuni cassonetti del verde ammassati nel cortile della sede del Clir. La foto, scattata all'inizio di marzo, è di Jose Lattari

I giochi sono finiti. Insieme alla pazienza dei creditori. Lomellina Energia srl ha presentato ricorso al Tribunale di Pavia per chiedere la dichiarazione di fallimento di Clir Spa, l’ex consorzio lomelllino ora in liquidazione. L’udienza prefallimentare è fissata per il 29 giugno. I sindaci soci sono stati informati lo scorso martedì sera via Pec. Nel febbraio di quest’anno Lomellina Energia aveva domandato a Clir le modalità di rientro del debito, lievitato negli anni fino a sfiorare i 2 milioni di euro (per la precisione, un milione e 957mila euro). Una richiesta che arriva proprio alla luce dell’esposizione debitoria della società. Come emerge, infatti, dal ricorso presentato al Tribunale di Pavia i debiti di Clir superano i 6 milioni e mezzo di euro (6 milioni e 669mila euro, in base all’ultimo bilancio trovato).

«L’ammontare dei debiti accumulati – si legge nel documento – evidenzia una situazione di effettiva assoluta incapacità per la società debitrice di pagare regolarmente le obbligazioni contratte e, quindi, assurge ad efficace manifestazione del proprio stato di insolvenza». Va inoltre precisato che la società non deposita i bilanci dal 2019: «Pare di importanza rilevante che l’ultimo bilancio presentato, frutto di gravi difficoltà organizzative e gestionali, risale a ben tre anni fa», si legge nel ricorso. Nessuno dei professionisti individuati dai soci prima, e dal Tribunale poi, ha accettato l’incarico come liquidatore; l’ultimo no è arrivato il 16 maggio.

«Abbiamo provato in ogni modo – dichiara Antonello Galiani, membro del Cda dimissionario di Clir, rimasto “in sella” in questi mesi di transizione – a salvare la società e il lavoro. Clir è stata una realtà importante per il territorio lomellino, eravamo convinti potesse continuare ad esserlo. Purtroppo, questi sforzi si sono rivelati vani».
Una situazione complessa, che si è aggravata negli ultimi anni e che ha portato, nel giugno dello scorso anno, alla decisione dei Comuni soci di mettere in liquidazione la società; solo due mesi prima, era stato votato a maggioranza il piano di risanamento, con l’intento di garantire la continuità aziendale.

Clir, Galiani: «La situazione sta peggiorando»

Nel video, le dichiarazioni del presidente pro tempore di Clir, Antonello Galiani, che fa il punto sulla grave crisi che sta affrontando la società. Da lunedì i dipendenti occupano la sala conferenza della sede di Parona, protestando contro il mancato versamento degli stipendi di giugno.

Dalla messa in liquidazione in poi si è assistito a un lento declino, con conseguenze in prima battuta sui dipendenti della società, rimasti prima senza stipendio e poi a casa; la maggior parte è riuscita a trovare una nuova occupazione nelle società private che sono subentrate nel servizio al posto di Clir (anche se con condizioni contrattuali peggiorative), ma c’è anche chi è rimasto tagliato fuori dal mondo del lavoro, senza neppure poter accedere agli ammortizzatori sociali.

Clir, secondo giorno di occupazione
I sindacati: «I Comuni soci paghino i debiti»

Da ieri (lunedì) la sala conferenze del Clir è stata occupata dai rappresentanti sindacali e dai dipendenti, che protestano perché gli stipendi di giugno non sono stati versati. I sindacati hanno chiesto un nuovo incontro al Prefetto per discutere della grave situazione che sta attraversando la società, e hanno avviato anche una campagna di sensibilizzazione con l'hashtag #nonlasciatecisoli.

In mezzo a tutto questo, si inserisce un’indagine, tuttora in corso, della Guardia di Finanza di Pavia, che nell’ottobre scorso aveva acquisito una serie di documentazione all’interno degli uffici della società e che sta effettuando una serie di accertamenti volti a individuare le cause che hanno portato al dissesto finanziario della società.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400