Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Vigevano, terremoto in giunta: estromesso Galiani. Segù nuovo vice sindaco, in giunta entra anche Fantoni

La decisione improvvisa del sindaco Ceffa nel tardo pomeriggio. Non si conoscono ancora le ragioni del "licenziamento" dell'esponente di Forza Italia

Bruno Ansani

Email:

bruno.ansani@ievve.com

16 Giugno 2022 - 21:40

Vigevano, terremoto in giunta: estromesso Galiani. Segù nuovo vice sindaco

VIGEVANO - Un autentico terremoto scuote la politica vigevanese: nel pomeriggio, infatti, il sindaco Andrea Ceffa ha ritirato le deleghe da assessore all'esponente di Forza Italia Antonello Galiani, che era anche vice sindaco, carica che è stata assunta dall'altro assessore forzista presente in giunta, Marzia Segù.

Marzia Segù, nuovo vice sindaco della città

Nominato anche un nuovo assessore: si tratta della (ora ex, dovrà dimettersi dalla carica) consigliera comunale di Forza Italia Paola Fantoni, che assume anche le deleghe ai Servizi alla Città e alle Politiche Educative che erano attribuite a Galiani. Resta invece nelle mani del primo cittadino l'altra delega che era nelle mani dell'ex vice sindaco, quella al Servizio informatico.

Paola Fantoni prende il posto in giunta di Antonello Galiani

La nomina di Paola Fantoni ristabilisce l'equilibrio numerico (due posti in giunta a Forza Italia) stabilito all'inizio del mandato di questa amministrazione, a ottobre 2020. Ma resta il caso politico dell'esclusione del principale esponente vigevanese del partito di Berlusconi. 

La giunta Ceffa nel giorno della sua formazione, il 7 ottobre 2020

Per ora è il solo Galiani a commentare la vicenda. "Si tratta di un'azione forte da parte del sindaco, che si è assunto la responsabilità di quanto avvenuto. Io ho sempre lavorato nell'interesse dei cittadini, mettendo al centro delle mie deleghe il bene di Vigevano".

Non si conoscono ancora le ragioni che hanno portato allo scontro e alla rottura.  

In serata sono comunque arrivati i decreti ufficiali firmati dal sindaco Ceffa: prima la revoca del mandato di Galiani, poi la composizione della nuova giunta.

"Sono venute a mancare all’interno della Giunta Comunale le condizioni per una collaborazione collegiale efficace tra i suoi componenti" è la formula rituale usata nel decreto. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400