Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

scuola e ambiente

Gli studenti adottano 150 semi

Il progetto a Vigevano: alcuni alberi verranno collocati negli spazi dell’ex Fateci Spazio. Intanto il Comune cerca qualcuno che doni vasi e terriccio

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

28 Giugno 2022 - 09:45

Gli studenti adottano 150 semi

Una pianta di Jacaranda Mimosifolia

«Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso». Il detto, attribuito a Confucio, potrebbe accompagnare la filosofia che anima il progettoAdotta una piantina... trasformala in un albero”, presentato lunedì mattina in sala giunta dall’assessore all’ambiente e alle politiche giovanili Daniele Semplici. «Tutto è partito con l’ultima edizione della Giornata del verde pulito – ha spiegato Semplici – Urban Gravity Academy ci ha fatto dono di 150 semi (100 di Jacaranda Mimosifolia e 50 di Cercis Siliquastrum, ndr). Un giorno, camminando tra i corridoi del Comune, mi è venuta l’idea: consegnare i semi di queste piante agli studenti delle nostre scuole elementari e medie, e lasciare a loro il compito di accudirle durante la crescita».

Una pianta di Cercis Siliquastrum, conosciuto come "Albero di Giuda"


Il progetto entrerà nel vivo a settembre: prima dell’inizio del nuovo anno scolastico, verranno distribuiti ai dirigenti dei comprensivi i semi, in base alle disponibilità. I ragazzi dovranno occuparsi degli alberelli per due anni, poi verranno piantumati.

La conferenza stampa di lunedì in sala giunta. Da sinistra: il consigliere Paolo Iozzi, l'assessore Daniele Semplici, il sindaco Andrea Ceffa

«Si tratta di alberi – spiega l’assessore Semplici – che possono arrivare a crescere fino a 10/15 metri. Fanno dei bellissimi fiori rosa e viola, simili al fiore del ciliegio, ma più grandi. I ragazzi vedranno le piantine germogliare, dovranno annaffiarle periodicamente. Durante i periodi di vacanza, in collaborazione con i ragazzi del servizio civile e i detenuti che partecipano ai nostri progetti, sposteremo le piante nei plessi dove sono presenti gli orti didattici. L’idea è sviluppare nelle giovani generazioni una sensibilità verso la natura e il rispetto dell’ambiente, e farlo responsabilizzando i ragazzi. A breve pubblicheremo un avviso per chiedere la disponibilità, da parte di enti, associazioni o imprese, a donare vasi e terriccio».

Alcuni alberi potrebbero essere piantumati nell'area dell'ex Fateci Spazio, dove verrà realizzato un parco didattico (foto di Jose Lattari)


Al momento non è ancora stata individuata l’area in cui saranno piantumati gli alberi, ma il sindaco Andrea Ceffa ha ipotizzato che alcuni potrebbero essere destinati al parco didattico che verrà creato nell’area dell’ex Fateci Spazio, una volta che sarà abbattuto l’edificio. «Piantare un albero – ha dichiarato il consigliere di maggioranza Paolo Iozzi, presente in conferenza stampa – è un gesto molto antico e simbolico. Nel futuro, che è già presente, la tematica ambientale sarà centrale. In questo caso, visto che parliamo di 150 nuovi alberi, ci sarà anche un positivo impatto dal punto di vista urbanistico».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400