Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Le riprese da lunedì

Tromello diventa un set cinematografico

In una bottega di parrucchiere sfitta verrà girato "Il linguaggio dei fiori" dei registi Cardano e Bolognesi

Davide Maniaci

Email:

dade.x@hotmail.it

02 Settembre 2022 - 12:10

Tromello diventa un set cinematografico

L'interno del set

Un paese di campagna, un tempo vivace ed ora un po’ meno, con quelle vie che d’estate ardono per via del sole ma senza traffico, o quasi. Un’anziana ancora innamorata del marito defunto che porta i fiori invenduti al cimitero, alla sua lapide. E poi quei vecchi negozi sfitti da tanto tempo. L’ideale, insomma, per un set cinematografico. Da lunedì 5 a mercoledì 7 settembre uno stabile di via Trento 22, pieno centro di Tromello, sarà interessato dalle riprese di “Il linguaggio dei fiori”. Questo sarà il titolo, che comunque potrebbe cambiare, del cortometraggio firmato da due registi. Michele Cardano, classe 1991, è milanese. Francesco Bolognesi invece viene da Ferrara, e quindi ama particolarmente queste atmosfere dove d’inverno c’è ancora la nebbia. Entrambi sono “reduci” della civica scuola di cinema Luchino Visconti di Milano e sono al secondo film. Anche l’esordio, “Pianura innocente”, era sullo stesso filone. Una storia di formazione ambientata in un centro di campagna.

Il negozio come si presenta da fuori

L'ex negozio allestito come set

«Si tratta – spiega Cardano – della storia di Teo, ragazzo di 12 anni che installa nel negozio di fiori della nonna, ormai vedova, un computer per ricevere gli ordini anche online. L’attività, infatti, è in declino come il paese. Preciso che Tromello si presta come ambientazione ma non come concetto di “decadenza”: quest’ultimo riguarda il borgo generico rurale». Il negozio di via Trento e gli immediati dintorni coinvolgeranno gran parte delle riprese, che si sposteranno poi al cimitero di Tainate, frazione di Noviglio, bassa milanese. «Nella trama, che vuole essere una storia di formazione – prosegue il regista – una donna del paese riceve i fiori da uno spasimante sconosciuto. Teo viene a saperlo e si appassiona a questa storia d’amore misteriosa. La nonna, interpretata da Pia Engelberg, fa da mentore. Lei amerà per sempre il marito, tanto da portargli al cimitero tutti i fiori che non vende. Tromello era il posto ideale: ancora vivo, ma tranquillo e con atmosfere retrò. Stavamo cercando una location che avesse il respiro del paese perso nel tempo e nella campagna e avesse anche un negozio in una strada secondaria. In via Trento, strada prima piena di botteghe ed ora meno, c’è un’attività dismessa, un vecchio parrucchiere. Lo abbiamo sistemato noi, stiamo finendo l’allestimento». Durante le fasi delle riprese sarà impossibile posteggiare nei pressi.

Via Trento si trova nel pieno centro di Tromello

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400