Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PAVIA

La vitamina D potrebbe migliorare la risposta ai vaccini anti-Covid: lo studio dei ricercatori del San Matteo

Lo studio di clinici e ricercatori del policlinico pavese

Umberto Zanichelli

Email:

umberto.zanichelli@ievve.com

16 Settembre 2022 - 12:15

La vitamina D potrebbe migliorare la risposta ai vaccini anti-Covid: lo studio dei ricercatori del San Matteo

Lo studio è stato effettuato da clinici e ricercatori del policlinico pavese

L’assunzione di micronutrienti come la vitamina D potrebbe migliorare la risposta ai vaccini virali, soprattutto nei soggetti immunodepressi. E' questo il risultato al quale è giunto un gruppo di clinici e ricercatori del Policlinico San Matteo di Pavia che ha condotto uno studio su 101 operatori sanitari che non avevano contratto il Covid-19 allo scopo di analizzare l’associazione tra i livelli di vitamina D e ponendola in correlazione con la risposta immunitaria suscitata dal vaccino. Il lavoro, che rappresenta l’unico ad oggi presentato, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale “Biomedicines”.

La vitamina D potrebbe essere un alleato per combattere il Covid-19

I ricercatori hanno rilevato correlazioni significative tra la concentrazione di vitamina D e la presenza di anticorpi a 6mesi dal completamento del ciclo vaccinale, con i vaccini Mrna. Lo studio è il primo a dimostrare che adeguati livelli di vitamina D possono influire sulla persistenza della risposta anticorpale. Pertanto, l’adeguatezza dei valori di vitamina D potrebbe avere un maggiore impatto sull’efficacia del vaccino anche nelle categorie di pazienti per i quali la risposta immunitaria indotta dal vaccino sembra essere più debole, come nelle persone anziane oppure in soggetti vulnerabili.

Lo studio è stato condotto su 101 persone che non hanno contratto l'infezione (foto di repertorio)

Lo studio porta la firma della virologa Paola Zelini; Riccardo Caccialanza ed Emanuele Cereda, Unità Operativa Complessa Nutrizione Clinica; Fausto Baldanti, Irene Cassaniti, Daniele Lilleri, Unità Operativa Complessa Microbiologia e Virologia; Riccardo Albertini e Sabrina Peressini, Unità Operativa Complessa Laboratorio Analisi; Carlo Marena e Sara Cutti, Direzione Medica di Presidio; Giusi Grugnetti e Anna Maria Grugnetti, Direzione professioni sanitarie; Piera D’Angelo Unità Operativa Complessa Ostetricia e Ginecologia; Catherine Klersy, Unità Operativa Complessa Epidemiologia e Biostatistica.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400