Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

C Regionale: sorridono Pixel e Vetrotenda

I vigevanesi superano Cornaredo (67-57) e ipotecano il quinto posto. In evidenza Leonavicius e Finazzi, 20 punti e oltre dieci rimbalzi a testa. A Boffalora gran colpo dei gambolesi (63-74).

18 Marzo 2012 - 02:10

C Regionale: sorridono Pixel e Vetrotenda

La Pixel supera anche Cornaredo (67-57) e consolida il quinto posto in classifica, piazzamento di tutto rispetto per una neopromossa. A dire il vero la gara non è stata delle più spettacolari viste quest'anno al PalaBasletta, con molte imprecisioni da ambo le parti e un arbitraggio che ha scontentato soprattutto i milanesi. In una serata nella quale gli esterni, a parte qualche lampo di Sala, hanno prodotto davvero poco, la Pixel ha vinto grazie alla prova del suo pacchetto lunghi: Leonavicius e Finazzi (nella foto), oltre ad aver messo a referto 20 punti a testa, hanno catturato rispettivamente 14 e 13 rimbalzi, ma anche Bocca ha fatto sentire la sua esperienza sotto le plance. Dopo un primo quarto costellato da tanti errori e chiuso sotto di quattro lunghezze, i ducali danno il meglio nel secondo andando al riposo sul +10. Alla ripresa del gioco la Cat gioca troppo a intermittenza, fa scelte sbagliate in attacco e consente a Cornaredo di restare in vita. A metà dell'ultimo periodo gli ospiti si innervosiscono per alcune decisioni arbitrali e un tecnico alla panchina segna la svolta definitiva.

Pixel Cat Vigevano Leonavicius 20, Menarini 2, Novicik 8, Finazzi 20, Sala 11, Bocca, Campana, Lupi, Maiocchi 6; n.e. Motta. All. Rossberger.

Benfenati Cornaredo Pulina 2, Zanelli 17, Valassina 10, Fortini 4, Novati, Cogliati 2, Novicik 8, Basani 2, Rampinelli, Mauri 12. All. Antonini.


A Boffalora, invece, si è vista probabilmente la miglior Vetrotenda della stagione. I gambolesi vincono con merito (63-74) conquistando due punti pesantissimi in chiave play-out. La squadra di coach Munini ha difeso finalmente con bella intensità fin dal primo minuto e, sfruttando probabilmente una squadra di casa ormai appagata dalla sua classifica, ha condotto una gara di testa raggiungendo un massimo vantaggio di 15 punti. A quattro minuti dalla fine i gambolesi hanno rivisto le "streghe" della gara di Cerro quando ai giocatori, forse per poca abitudine alla vittoria, è venuto un braccino di tipo tennistico. Boffalora si è avvicinata a soli sei punti, ma a questo punto sono risultate decisive due bombe di Matteo Munini che hanno ricacciato indietro i milanesi. Nel tabellino marcatori spiccano i 21 punti di Adu seguito da Gomez con 14, anche se la vittoria è stata di sicuro una vittoria di squadra. Sabato prossimo sfida quasi decisiva a Magenta per evitare l'ultimo posto e garantirsi i play-out.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400