Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Anche Vigevano piange Gianni Asti

L'ex allenatore della Pallacanestro Vigevano è scomparso questa mattina in un ospedale di Milano dove era ricoverato. Aveva 78 anni.

14 Febbraio 2014 - 16:45

Anche Vigevano piange Gianni Asti
Dopo Tonino Inches, un'altro pezzo di storia del basket cittadino ci ha lasciato. Nato a Varese il 25 marzo del 1935, Gianni Asti aveva iniziato come tanti con le scarpe da pallacanestro ai piedi. Scuola Robur et Fides, era stato infatti un discreto giocatore prima di intraprendere con successo la carriera da allenatore. Come tecnico guidò appunto i varesini dal 1972 al '77 portandoli anche per una stagione in serie A. Poi nell'estate del 1977, all'indomani della promozione in A2, arrivò la chiamata del commendator Luigi Colombo che lo volle alla guida della Mecap al posto di coach Piero Pasini. E Gianni Asti condusse quella squadra composta da grandi fuoriclasse come Malagoli, Solman, Jellini e Mayes ai massimi livelli del basket nazionale attraverso lo spareggio di Livorno contro il Brill Cagliari. L'anno successivo, però, rinunciò ad allenare la squadra, affidata all'italo-americano Richard Percudani, preferendo un ruolo di direttore tecnico. Nel 1979, all'indomani della retrocessione in serie A2, Asti tornò alla guida della Mecap, ma a metà stagione decise di lasciare definitivamente la panchina per problemi di lavoro e di salute. Da allora è sempre rimasto vicino alla Robur et Fides dove era tornato a occuparsi di settore giovanile. Da tempo malato, proprio pochi giorni fa era stato inserito nella Hall All Fame del basket italiano insieme a pochi altri tecnici eletti. Lo ricordiamo, oltre per le sue capacità di allenatore, anche come una persona estremamente squisita e a modo, un vero gentleman. Addio Gianni.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400