Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Serie C: Robbio cala il poker, Virtus ko

La squadra di Sguazzotti conferma l'imbattibilità vincendo a Milano contro il S. Pio (65-81). Gambolò invece perde in casa contro la Posal Sesto (71-85).

18 Ottobre 2014 - 01:03

Al di là del punteggio finale non è stata una passeggiata per la Fluidotecnica la trasferta di Milano. E' vero che il quintetto lomellino ha sempre condotto nel punteggio, ma il S. Pio ha saputo tenere botta quasi fino alla fine. Nel primo tempo Robbio si porta avanti grazie soprattutto alle iniziative di Finazzi, il più costante tra i suoi, e Davide Sala, ma solo nel terzo periodo arriva a toccare le dieci lunghezze di vantaggio. In avvio di ultima frazione la zona proposta dai milanesi crea più di un problema a Robbio che si vede avvicinato a due soli punti quando mancano circa 5 minuti al termine. Grazie a qualche spunto del rientrante Campana e alla buona percentuale ai liberi, la Fluido allunga nuovamente e stavolta in maniera definitiva.
S. Pio X Milano Sebastio, De Andreis 9, Benazzi 16, Giannetti 5, Solaini 8, Galtarossa 9, De Mazza 15, Anzani 3; ne Vignati, Penserini, Benna.
Fluidotecnica Robbio Menarini 7, D. Sala 20, Vigliaturo 3, Werlich 10, Finazzi 17, Andreello 7, Campana 10, Cislaghi 2, Martinetti 5; ne Petracin. All. Sguazzotti.
Gara "interminabile" al PalaOlimpia causa il gioco fisico dei milanesi che ha portato gli arbitri a fischiare come ciminiere. Gambolò ne ha risentito concedendo molto a rimbalzo. Eppure la gara, nonostante l'assenza degli infortunati Colombo e Buzzin, era iniziata nel migliore dei modi per la Virtus che grazie soprattutto agli spunti di Pehar volava sul 18-8 al 9'. Chiuso il primo quarto avanti di 8 lunghezze (20-12), nella seconda frazione Gambolò andava però in bambola, tanto che gli ospiti in 8 minuti realizzavano un parziale di 32-10. Al riposo lungo il tabellone segnava 34-53 e il distacco arrivava a toccare le 16 lunghezze al 23' (38-54). A quel punto il quintetto di Cova aveva una reazione, -10 al 30' (50-60), addirittura -5 in avvio di ultimo quarto. Ma sul 55-60 Gambolò sprecava l'occasione per avvicinarsi ulteriormente, la Posal poteva respirare e, tornata avanti di 10 (55-65 al 34'), controllava gli ultimi tentativi dei padroni di casa.
Virtus Gambolò Putignano 7, M. Sala 7, Farina 11, Gibertoni 5, Ferrari, Pehar 20, Sabatini 2, Zanelli 13, Piccio 2, Ricci 4. All. Cova.
Posal Sesto Perego 2, Amicucci 12, Orfei 4, Cogliati 28, Fabricotti 10, Cantarin 9, Grassi 10, Capaccioli, Terzi 6, Gorla 4, Fabiani, Pellin.

@ L'INFORMATORE
Angelo Sciarrino
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400