Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Basket: la ForEnergy cade dopo tre supplementari

Ora doppia trasferta nel bresciano

01 Novembre 2015 - 21:47

Basket: la ForEnergy cade dopo tre supplementari

Una serataccia. Dopo il ko con Piadena, la ForEnergy Vigevano 1955 incappa ancora in una sconfitta, e lo fa al termine di una gara infinita in cui Opera ha sostanzialmente meritato per quello che è stato l'approccio generoso all'incontro.
La cronaca: nei primi minuti il quintetto di casa è davanti (9-6, 12-8). Barbirato segna il +5, e in penetrazione viene anche colpito fallosamente: 18-12 al 7'. I milanesi accorciano, e alla prima sirena il tabellone recita 18-16.
In avvio di secondo quarto Opera sorpassa (18-19). Per oltre due minuti non segna nessuno, la Delta Line allunga dalla distanza, Ceper fa 2/2 dalla lunetta, Strotz fa lo stesso e impatta. A riportare davanti la ForEnergy è una tripla di Cavallaro a -3'35", che crea le basi per un piccolo allungo ducale, fino al 31-25 del 30'. Colombo e Bosio, da tre, regalano però il nuovo pareggio a Opera nelle fasi iniziali del terzo periodo (33-33), e più in generale con un parziale di 21-4 pare averne di più, con Vigevano che conclude a canestro poco e male. Cavallaro spezza il digiuno gialloblù (37-46), Barbirato accorcia ancora, Bosio dalla parte opposta realizza, sulla sirena Quaroni trova il 44-48 che tiene pienamente in gioco i ragazzi di Simone Bianchi. Che rifanno proprio il vantaggio grazie a due azioni di Ceper (50-48). Agli ultimi 4' si arriva su 52 pari: Fusella segna per Opera, la ForEnergy spreca almeno tre possessi arrivando al tiro senza troppe idee, a regalare speranza ci pensa Quaroni con canestro e libero (55-54). Ancora Fusella, 0/2 di Quaroni dalla lunetta, medesima sorte per lo stesso Fusella. Possesso ducale a 20" dalla fine, ai liberi ci va Barbirato a -4"97: 1/2 e 56-56. Opera è fermata dal ferro nell'ultimo tiro, è quindi supplementare.
Nei primi cinque minuti aggiuntivi due canestri di Colombo regalano il +3 alla Delta Line, Quaroni ricuce ma poco dopo sbaglia da tre. Due liberi fuori di Bosio, nel possesso successivo non realizza neppure Cavallaro. Nuovamente in lunetta Bosio: 1/2 (62-64). Bomba di Quaroni, +1 Vigevano con 8" da affrontare. Barbirato si vede fischiare un tecnico davvero poco chiaro, Daverio così pareggia. Ultima azione per i padroni di casa e nulla da fare, si procede. E lo si farà punto a punto, con la stanchezza che inevitabilmente appanna le idee. A -1'28" è 69-70, Quaroni è freddo ai liberi, gli arbitri non si avvedono di un passi milanese e Daverio ringrazia, per la tripla del 71-73 (-17"68). Due liberi per Negri, vanno dentro entrambi. Il terzo supplementare è realtà: 2/2 per Bosio, tripla di Quaroni e +1 vigevanese, ma non basta perché Opera è più precisa e sfrutta meglio le occasioni, portandosi sul 76-80 a 1'13" dall'ennesima sirena. Il possesso milanese porta Bosio a canestro, a questo punto è davvero finita. Un ko (79-83) che brucia.
Ora ad attendere i ducali saranno due trasferte particolarmente impegnative, contro Lumezzane e Iseo.
VIGEVANO Moretti 9, Appendini, Strotz 12, Barbirato 15, Negri 6, Orsenigo, Zucca, Quaroni 20, Cavallaro 9, Bassi, Bottacin, Ceper 8. All. Bianchi.
OPERA Colombo 18, Bosio 21, Secchi 4, Velardo 6, Fusella 13, Del Vescovo 6, Rao, Scartezzini 4, De Simone, Cogliati 1, Cazzaniga, Daverio 10. All. Gagliano.

@ l'informatore - e.d.m.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400