Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

C Gold, gara-3 amara: una bella Iseo spegne le speranze di Vigevano

Alla fine in serie B, dopo gara-3 della finale play-off, ci va Iseo. La squadra che dopo aver conquistato il primo posto in stagione regolare ha trovato un passo importante anche in post season, cadendo solamente - a metà settimana - nella tana di una For

12 Giugno 2016 - 23:15

C Gold, gara-3 amara: una bella Iseo spegne le speranze di Vigevano

LA CRONACA

Il primo canestro di serata è di Lorenzetti. La partita si dimostra subito molto accesa, con Iseo che si vede fischiare fallo in attacco ma Vigevano che non sfrutta il possesso successivo. E così Azzola colpisce da tre. I ducali dopo due minuti devono ancora sbloccarsi, a rompere il ghiaccio è Negri da tre, che pochi secondi più tardi serve in contropiede Strotz per il 5-5. La Argomm rimane davanti, giungendo al 6' sul 12-9. Benevelli accorcia concretizzando una palla recuperata da Appendini, quindi Prestini fa ½ dalla lunetta (fallo di Negri). Meglio di lui fa Barbirato (2/2), nell'azione seguente bel contropiede di Benevelli che regala il primo vantaggio alla ForEnergy (13-15), con Azzola che impatta. Iseo è ben presente e colpisce dall'area, in particolare con Azzola, e complici due azioni sprecate da Vigevano il team di casa vola sul 23-15 imponendo un time-out a coach Bianchi. Al 10' si giunge sul 27-17 con canestro sulla sirena di Cancelli.

Al rientro in campo non si segna per un minuto, con Iseo che però commette tre falli in pochi secondi. Fase un po' confusa, con molti errori frutto probabilmente della tensione, e una ForEnergy che non riesce ad accorciare (29-18 a -7'26”). Quinto fallo di Iseo, va in lunetta capitan Ceper che fa 2/2. Palla dopo palla Vigevano rosicchia punti, con ancora Ceper a segnare il 32-26 a -5'18”. Segna per i bresciani Acquaviva, risponde Appendini. Quest'ultimo a -3'09” commette il terzo fallo e lascia il campo. Il punteggio è in bilico (36-32), rientra Strotz che realizza subito, ma è Azzola da tre a tenere davanti Iseo (39-34). Ancora Strotz fallisce, Prestini prova la mazzata dalla distanza ma il ferro dice no. Ci pensa però Leone, con una nuova bomba: 42-34, e Prestini in contropiede impone il +10. Qualcosa di simile a quanto visto nella prima frazione. E a metà sfida siamo sul 46-36.

Terzo quarto: Azzola si conferma tra i più in palla dei suoi e segna il +12 dopo l'iniziale errore di Benevelli. Passi di Quaroni, ne approfilla Cancelli per allungare. Il momento è delicato, la sfortuna ci mette lo zampino con una conclusione di Barbirato sputata fuori dai canestri mentre ancora Cancelli non perdona (52-38). A -6'17” Benevelli commette fallo su Acquaviva, su tiro da tre, e si vede anche fischiare un tecnico: ¾ ai liberi, il tabellone dice 55-38, con successivo +20 bresciano sempre di Acquaviva. Bianchi si gioca la carta Pozzi, non al meglio, con un quarto d'ora ancora da giocare. C'è bisogno di qualcosa di importante da parte di Vigevano, che accorcia prima dalla lunetta con Quaroni e Appendini e quindi con Negri. L'incontro si conferma intenso, gli arbitri lasciano correre e Iseo sembra interpretare meglio la parte. Si prosegue: -14 di Quaroni, Prestini sbaglia, Pozzi ai liberi fa ½ (59-46 a -3'36”). Azzola non colpisce da tre, cosa che invece fa Moretti, con un -10 che fa sperare l'ambiente gialloblù. Il margine rimane comunque in doppia cifra, Iseo si dimostra reattiva e negli ultimi possessi prima della sirena fa propri un paio di rimbalzi offensivi che consentono al team di Mazzoli di arrivare al 30' sul 65-51.

Ultimi 10' della stagione: si parte col quinto fallo di Lorenzetti, in lunetta Strotz segna entrambi i liberi; dopo un possesso per parte fallito, è la bomba di Azzola a battere un colpo importante (68-53). Onore alla Argomm, squadra molto solida che non concede quasi nulla a Vigevano. Lo conferma la tripla di Crescini per il 73-57 quando mancano poco più di 7'. Time-out ducale, ma alla ripresa delle ostilità a realizzare è un bravissimo Azzola, probabilmente il miglior giocatore di questa gara. 

2/2 di Barbirato, nel possesso successivo Quaroni ruba palla ma da tre non riesce a segnare. Cosa che farà un Azzola senza freni (79-59), spezzando definitivamente le gambe a una ForEnergy che, spinta fino all'ultimo istante dai suoi tifosi, terminerà la propria corsa sul -24: 90-66, la promozione è di Iseo.

 

LE DICHIARAZIONI DEL G.M.

“Onore a loro, hanno disputato una buonissima partita – è il commento a caldo di Marino Spaccasassi – noi purtroppo siamo mancati in alcuni uomini cardine, giocando al di sotto delle aspetattive. Direi che c'è poco da dire, ancora onore a Iseo. Vale poi, per Vigevano, quanto detto pochi giorni fa: finale a parte, la vittoria più importante è stata l'aver riportato la gente a seguire la Pallacanestro Vigevano”.

 

 

I NUMERI

Argomm Iseo Leone 9, Acquaviva 9, Lorenzetti 6, Prestini 15, Azzola 21, Del Barba, Arici, Ghitti, Cancelli 12, Saresera 3, Bonvicini 2, Crescini 13. All. Mazzoli.

ForEnergy Vigevano Quaroni 12, Appendini 6, Strotz 6, Negri 11, Benevelli 8, Moretti 3, Barbirato 6, Bassi 2, Bottacin 2, Ceper 9; n.e. Cavallaro. All. Bianchi.

Parziali 27-17, 46-36, 65-51.

 

(foto di Luigi Rotta)

 

@ l'Informatore – Emanuel Di Marco

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400