Basket serie D

Vincono Tromello e Ussgb, Pro sconfitta di misura

Battute San Giuliano e Stradella, mentre i ducali cedono 77-75 a Boffalora contro Corbetta

Angelo Sciarrino

26 Gennaio 2019 - 20:14

basket serie D

Massimiliano Lupi (Tromello)

Nella seconda giornata di ritorno in serie D franchi successi casalinghi per Tromello e Ussgb, rispettivamente contro San Giuliano (68-55) e Stradella (69-50), mentre la Pro Vigevano perde di misura (77-75) sul campo di Boffalora contro il Corbetta, terzo in classifica. La partita è stata molto avvincente, in parte rovinata dai direttori di gara che hanno distribuito tecnici a vanvera. Il quintetto di coach Gibertoni paga la poca precisione ai liberi e i troppi rimbalzi concessi, mentre i milanesi hanno fatto leva sul tiro da tre per bucare la difesa a zona dei lomellini. Prima parte del match favorevole alla Pro che all'8' conduce 6-16 e poi ancora 19-28 verso la metà del secondo quarto. Da lì in avanti i padroni di casa trovano una miglior fluidità in attacco e dopo il ricongiungimento si procede sempre punto a punto. A un minuto dalla fine tripla di Sala per il 73 pari, poi Corbetta sfrutta i rimbalzi d'attacco per portarsi 77-75 a un secondo dalla sirena; dopo il time-out, Menarini, pescato con un lancio lungo, viene affrontato da tre giocatori: il play ducale subisce un contatto molto sospetto e il suo tiro balla sul ferro ed esce.

Freeshop Pro Vigevano Al. Gibertoni 3, Mokhonko 8, Menarini 4, Sala 17, Zanelli 13, Loughlimi 17, Bagliani 1, Diciocia 12; ne Savani, Urga, Olivelli. All. D. Gibertoni.

Abbiategrasso soffre in avvio con Stradella (12-18 al 10'), poi si accende Marcone e con un parziale di 17-9 l'Ussgb ricuce arrivando con la testa avanti al riposo lungo (29-27). Alla ripresa del gioco sale in cattedra il classe 2002 Mattia Sacchi che segna 15 punti nel solo terzo quarto producendo lo stacco che risulta determinante per stroncare la resistenza degli oltrepadani (54-38 al 30'). Oltre ai due mvp dell'incontro, da segnalare anche la solida prestazione di Giovanni Invernizzi (8 rimbalzi e 3 stoppate), ben supportato sotto i tabelloni da Muzio e Mangiarotti.

Ussgb Abbiategrasso Muzio 4, Marcone 25, Orlandi, G. Invernizzi 5, B. Invernizzi 6, Sacchi 23, Lonati 2, Mangiarotti, M. Facchi 2, G. Facchi 2, Restelli. All. Gerosa.

Come la settimana scorsa Tromello conduce sin dall'inizio con San Giuliano, ma a differenza di quanto avvenuto a Stradella riesce a gestire molto meglio il vantaggio grazie anche a un Maestri in ripresa, bravo a conquistarsi parecchi tiri liberi. Il risultato non è mai stato in discussione e coach De Bernardi ha potuto giostrare tutti i giocatori a disposizione. Successo molto importante che consente ai lomellini di scavalcare gli avversari in classifica ribaltando anche la differenza canestri.

Tromello Omodeo Vanone 7, Maestri 17, Risso 8, Lupi 13, Zucca 5, Orsenigo 6, Pavanello 2, Carandini 3, Nai 1, Zeno 2, Sacchi 2, Fontò. All. De Bernardi.

@l'informatore - Angelo Sciarrino

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni