Basket serie D

Abbiategrasso "vede" i play-off

Si complica il cammino di Tromello, Pro Vigevano battuta a Cava Manara

Angelo Sciarrino

16 Febbraio 2019 - 14:33

basket serie d

Bruno Invernizzi, mvp di Abbiategrasso contro Corbetta

Dopo il successo nel derby con Tromello, Abbiategrasso replica in casa contro Corbetta (71-63): due punti importanti non solo in ottica salvezza, ma che potrebbe anche spalancare le porte dei play-off. E' stata una bella vittoria di squadra quella dei ragazzi di coach Gerosa, costruita grazie a venti minuti prorompenti (47-31), per poi resistere con qualche patema al forcing degli avversari che li ha portati a soli quattro punti a -1'40'' (65-61). Negli ultimi secondi però il fallo sistematico di Corbetta non paga e l'Ussgb può respirare grazie a un 4/4 di Mattia Sacchi dalla lunetta. Mvp Bruno Invernizzi (15 rimbalzi con 7/13 dal campo e 4 assist per un sontuoso 30 di valutazione), doppia doppia anche per Sacchi (10 rimbalzi), mentre Marcone è stato un rebus irrisolto per gli avversari nei primi venti minuti (20 punti con 4/7 da tre); buona la prova anche di Muzio e Giovanni Invernizzi che si sono battuti alla pari con i lunghi avversari mettendo fieno in cascina.

Ussgb Abbiategrasso Restelli, Sacchi 13, Marcone 20, G. Facchi, Comelli, B. Invernizzi 18, Orlandi 8, M. Facchi, Lonati, Mangiarotti, Muzio 6, G. Invernizzi 6. All. Gerosa.


Non riesce invece a risollevarsi Tromello che cede di un punto in casa con il Sant'Ambrogio (70-71). Peccato perchè a tratti il quintetto di De Bernardi ha disputato anche una buona partita, nonostante, a parte il primo quarto, abbia sempre dovuto inseguire gli avversari che sono arrivati ad avere una decina di punti di vantaggio (41-52 al 30'). Nel finale, grazie soprattutto all'impegno difensivo dei più giovani, i lomellini sono riusciti a tornare sotto, poi però è mancata la necessaria lucidità come in occasione dell'ultima azione a 5 secondi dalla fine quando, in uscita da un time-out, l'esecuzione dello schema d'attacco ha portato a un brutto tiro. Una sconfitta che complica la classifica di Tromello in considerazione dei contemporanei successi di alcune dirette avversarie.


Tromello Omodeo Vanone 9, Risso 12, Maestri 6, Lupi 8, Zucca 9, Nagari 7, Pavanello 5, Carandini 8, Ratti 2, Zeno 4, Orsenigo, Fontò. All. De Bernardi.


Niente da fare per la Free Shop Pro Vigevano che a Cava Manara cede (84-66) alla seconda forza del campionato trascinata dall'accoppiata Ferrarini-Natta, 19 punti a testa. Al di là del punteggio finale, i ducali, sotto 20-13 alla fine del primo quarto, sono stati poi in grado di complicare le cose agli avversari, arrivando al riposo lungo in ritardo di appena due lunghezze (41-39) e ancora in partita al 30' (61-54), per arrendersi solo nell'ultima frazione di gioco.


Free Shop Pro Vigevano Al. Gibertoni 3, Sala 7, Bagliani 6, Aguie Aho, Urga, Menarini 12, Loughlimi 7, Diciocia 13, Mokhonko 10, Zanelli 8. All. Gibertoni.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni