Basket serie B

Elachem da sogno: Verri a 3" dalla sirena sigla la vittoria su Firenze (80-78)

Umberto Zanichelli

24 Marzo 2019 - 20:32

Elachem da sogno: Verri a 3" dalla sirena sigla la vittoria su Firenze (80-78)

Pat Verri (foto Marmonti) 17 punti e il canestro della vittoria venendo dalla panchina

I ducali rientrano dal -9 del 35'. Coach Piazza: "Questa è una squadra speciale"

Passa per le mani di Pat Verri la straordinaria vittoria della Elachem Vigevano sulla Firenze seconda in classifica. E’ l’esterno di Parma con una percussione a 3” dalla fine a trovare la retina per l’80-78 finale. Ma dietro l’ultima azione ducale c’è la feroce determinazione di tutta la squadra, capace di raddrizzare una partita che, a poco più di 5’ dall’ultima sirena, i toscani stavano controllando 65-74 dopo aver costruito un 2-15 di parziale. Coach Piazza trova un Pippo Rossi da 19 punti e 32 di valutazione, che ricambia così per l’inclusione nel quintetto iniziale, e un Verri decisivo con 17 punti e il canestro della vittoria uscendo dalla panchina. Quella del “Basletta” è stata la dimostrazione che i ducali possono giocarsela al massimo livello contro chiunque.

Firenze parte con decisione in un attimo prende il controllo della partita (2-9). La Elachem però risponde immediatamente e risale la corrente grazie ad un ispirato Rossi. E’ proprio il play ducale ad imbucare i liberi che, a 2’34” dal primo stop, siglano il 12-26. Coach Niccolai butta allora sul tappeto la zona 2-3 che, dopo un liscio di Vecerina, Vigevano attacca bene. Petrosino riceve tra le linee che una schiacciata a due mani, poi Rossi e una tripla di Panzini al buzzer siglano, con un parziale di 5-0 in un amen, il 19-20 di frazione.

La Elachem adesso è in fiducia e il parziale positivo sale a 11-0 con le triple di Panzini e Ferri. Per Firenza diventa fondamentale evitare l’allungo dei ducali e un jumper di Touré spezza il digiuno (27-22). Ma è ancora un indemoniato Panzini a trovare il lay-up costringendo Firenze al time-out. C’è ancora spazio per una tripla di Panzini (32-24 con 7’03” da giocare) poi i toscani rientrano. Lo fanno con determinazione e l’aiuto della zona 3-2. Un tiro dalla media di Touré sigla la parità (33-33 con 2’44” sul cronometro). Adesso l’inerzia è di Firenze che trova un facile canestro da sotto con Piazza che va in time-out. Si torna dentro e Vigevano trova il fondo della retina con il solito fade-away immarcabile di Benzoni. Il 37-37 è anche il punteggio con il quale le due squadre vanno al riposo lungo.

Il secondo tempo è un fantastico alternarsi di emozioni. Vigevano alza subito la voce e scappa 48-42 con due triple di Verri. Firenze prova ad accorciare ma Petrosino allunga ancora battendo il totem Cuccarolo, illegale se può restare in campo con continuità, sulla velocità e poi trova un altro paio di giocate super. In mezzo c’è ancora Pippo Rossi e coach Niccolai deve stoppare la partita per parlarci sopra. I ducali hanno saldamente nelle mani l’inerzia della gara; Petrosino e un’altra tripla di Pat Verri consegnano alla Elachem il 63-53 a 56” dall’ultima pausa. Firenze ripropone la zona pari e un missile di Genovese sigla il 63-59 del 30’.

Adesso è la Elachem ad avere le idee annebbiate e Firenze, da squadra di razza, la azzanna subito. Cuccarolo è una torre insormontabile in difesa e trova punti facile appoggiando al tabellone in attacco. I ducali vedono il loro vantaggio ridursi in modo inesorabile senza riuscire a blocca l’emorragia. Ne nasce un terrificante 2-15 che ribalta completamente la situazione: 65-74 e poco più di 5’ da giocare. Qui coach Piazza e i suoi costruiscono il capolavoro. Prima un parziale di 5-0 chiuso da una tripla di Panzini dall’angolo, poi i liberi di Verri. Ma il cronometro corre e il divario, seppur limitatissimo, premia ancora gli ospiti. Adesso la Elachem ha cambiato ancora marcia e gli ultimi due minuti arrivano con la partita in totale equilibrio. “Una squadra normale in quella situazione avrebbe perso – sottolinea coach Paolo Piazza – La nostra invece è una squadra speciale e il finale lo avete visto”. Il finale, per la cronaca, è un’altalena di emozioni. Verri infila i liberi per 78 pari con 34” da giocare, Touré sbaglia dalla media. La parità non si spezza. E così è la Elachem ad avere l’ultimo possesso. Palla nella mani di Verri, due palleggi e poi dritto per dritto al ferro: canestro. Firenze è in ginocchio, la sirena una liberazione. Vigevano ha costruito l’ennesima impresa.

Elachem Vigevano: Rossi 19, Panzini 15, Ferri 6, Benzoni 5, Birindelli 2, Verri 17, Vecerina, Minoli 2, Petrosino 14; n.e. De Gregori. All. Piazza.

All Food Fiorentina Basket Firenze: Savoldelli 7, Touré 16, Bastone 9, Berti 3, Banti 6, Cuccarolo 22, Drocker, Genovese 13, Udom 2; n.e. Cacci e Bargi, All. Niccolai

Parziali: 19-20; 37-37; 63-59.

Tiri liberi: Vigevano 19/23, Firenze 12/14.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

A Gambolò "La biblioteca ci sta un botto"

A Gambolò "La biblioteca ci sta un botto"

il cortometraggio

A Pavia arrivano i Boomdabash, Tiromancino e Roberto Vecchioni

A Pavia arrivano i Boomdabash, Tiromancino e Roberto Vecchioni

Una estate in musica

Il Monte Calvario a Cassolnovo

Il Monte Calvario a Cassolnovo

L'evento

Gran finale con Marina Massironi e Roberto Citran

Gran finale con Marina Massironi e Roberto Citran

Al teatro Lirico di Magenta

Fraschini: presentata la nuova stagione d'opera

Fraschini: presentata la nuova stagione d'opera

Pavia

A Gambolò va in scena la Passione di Cristo

A Gambolò va in scena la Passione di Cristo

Venerdì sera

I fuochi per Leonardo

I fuochi per Leonardo

Vigevano, si aprono le celebrazioni dedicate al Genio