Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SEMIFINALE GARA-4

Elachem, l'impresa non riesce: passa San Vendemiano (68-55). Tutto rimandato a gara-5

Il match in programma mercoledì al "Basletta"

Umberto Zanichelli

Email:

umberto.zanichelli@ievve.com

05 Giugno 2022 - 20:28

Elachem, l'impresa non riesce: passa San Vendemiano (68-55). Tutto rimandato a gara-5

il tifo ducale sarà determinante in gara-5 (foto Laura Marmonti)

Non riesce alla Elachem Vigevano l’impresa di violare per la seconda volta in tre giorni il campo di San Vendemiano e di mettere le mani sulla finalissima per la serie A. Un quarto periodo da 17-9 condanna la squadra di coach Paolo Piazza a gara-5 in calendario mercoledì sera al “Basletta”. Senza Ferri, protagonista della vittoria di venerdì, la Elachem combatte sino dalla contesa iniziale e chiude in vantaggio la prima frazione (12-16). Le percentuali sono quelle tipiche del play-off e quelle dei veneti sono migliori: così San Vendemiano riesce a rosicchiare l’esiguo vantaggio ducale e al 20’ è 36-36.

Alessandro Procacci al tiro (foto Laura Marmonti)

Da qui in avanti la Elachem riuscirà a segnare soltanto 19 punti sino alla sirena finale e per quanto la difesa sia efficace (15-10 il terzo periodo e 17-9 il quarto) non ci saranno margini per alimentare il sogno anche se di fatto la gara è ancora aperta nell’ultima frazione. Peroni infila i liberi del 51-48 poi i padroni di casa allungano. Baldini mette il canestro del 57-48, Vigevano prova a ricucire ma una tripla di Gatto la ributta indietro (61-50 con poco meno di 5 minuti da giocare). Sempre Gatto dà il +10 dei suoi (63-53) e la sensazione è che la Elachem non abbia più spazio e tempo per rimediare. Vedovato segna il 68-55, Peroni mette sul ferro la tripla a un minuto e mezzo dalla doccia. Non si segnerà più fino alla sirena conclusiva. E per sapere chi si giocherà la serie occorrerà attendere sino a mercoledì sera.

«Era difficile ripetersi – commenta coach Paolo Piazza – e sulla nostra partita, soprattutto nella seconda parte, pesano le troppe palle perse. Forse avremmo potuto andare al riposo con qualche punto di vantaggio, non è accaduto. Valutando le due gare in Veneto ci eravamo dati come obiettivo vincerne una. Per come erano andate le cose in gara-3 un pensiero a chiuderla qui l’avevamo fatto. Invece avremo gara-5, la classica partita senza domani che non si può sbagliare».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400