Calcio Eccellenza

Città di Vigevano, che brutta domenica!

La Varesina si impone per 0-3 all'Antona, mentre vincono Ferrera e Villa Cassano

Edoardo Perrotti

24 Febbraio 2019 - 17:45

Città di Vigevano - Varesina

Una fase di gioco all'Antona (foto Piedinovi)

Contro la Varesina arriva la terza sconfitta interna consecutiva (nove reti subite a fronte di un solo gol segnato) per l'undici di mister Melchiori. Domenica nera per i ducali, perché il Ferrera si è imposto a Viggiù sui resti del Varese (2-3), ma soprattutto ha vinto clamorosamente il Villa Cassano sul campo del Verbano e ora, con 14 punti e una partita da recuperare proprio contro il Varese, si allontana dai ducali fermi a 11.

La prima occasione della gara è per il Città di Vigevano. Tiro violento di Dioh dopo 2’ che viene deviato in calcio d’angolo. Risponde subito la Varesina, al 9’, con il colpo di testa di Franzese che però spedisce alto. La partita è vivace e divertente, al 14’ pericoloso il Città con una bella punizione di Molina che esce fuori di poco. Si va dall’altra parte, con la Varesina che al 19’ sfiora il gol del vantaggio ancora con Franzese che da posizione favorevole sbaglia. Alla mezz’ora Cargiolli per gli ospiti prova il diagonale, la palla esce di molto. Al 40’ cambio obbligato per la Varesina, fuori Carà, infortunato, dentro Martinoia. L’ultima emozione del primo tempo è un colpo di testa dello scatenato Cargiolli che esce di poco. Primo tempo che si chiude sullo 0 a 0, ma a inizio ripresa la Varesina parte forte e comincia a fare sul serio. Ci prova Deodato al 6’, bravo Nese in uscita. Un minuto più tardi tiro di Franzese che si infrange su Marianini, si avventa sulla palla Cargiolli che calcia ancora alto. Al 12’ sussulto del Città di Vigevano con Dioh che spreca però a tu per tu con Cotardo. L’episodio chiave al 16’ quando Dalia atterra in area Martinoia, per l’arbitro è rigore. Dal dischetto Cargiolli trasforma. Uno a zero Varesina. Quattro minuti più tardi, al 21’, ecco il raddoppio della Varesina ancora con Cargiolli, che dopo un bel contropiede insacca in diagonale alle spalle di Nese. Il secondo gol degli ospiti taglia le gambe ai ducali. Al 30’ ancora Cargiolli prova il tiro ma prende il palo esterno, ci riprova al 38’ ma questa volta Nese si fa trovare pronto. Il Città di Vigevano non c’è più e nel recupero la Varesina trova anche la terza rete, con una magistrale punizione di Tino. Finisce 3 a 0.

Città di Vigevano L. Nese, Dalia, Casula, Procopio, Lagonigro, Marianini, Sarr (39' st Colombo), Molina, Dioh, Fiore, Rizzo (27' st Ragusa). All. Melchiori.
Varesina Cotardo, Albizzati (34' st Menga), Tino, Franzese, Cargiolli (40' st Bianconi), Deodato, Bellacci (46' st Morello), Taino (46' st Frigerio), Boni, Carà (40' pt Martinoia), Rebolini. All. Spilli.
Arbitro Bonci di Pesaro.
Reti 17' st rig. e 21' st Cargiolli, 48' st Tino.
Note Calci d’angolo 6-6. Recupero 2′, 4′. Ammoniti Colombo, Tino, Dalia. Spettatori 100.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni