Calcio Eccellenza

Il Ferrera batte 3-2 un rimaneggiato Varese

Mannozzi (doppietta) e Rossi regalano la seconda vittoria per il fanalino di coda del campionato.

Edoardo Perrotti

24 Febbraio 2019 - 18:13

Varese - Ferrera

Doppietta per Luca Mannozzi

Sul campo di Viggiù il Ferrera, ultimo in classifica, batte 3 a 2 il Varese in una gara rocambolesca. Fino a ieri non si aveva la certezza che la gara si sarebbe disputata regolarmente, con la formazione varesina che aveva già saltato due partite ed è a rischio radiazione per la grave crisi societaria. Scendendo in campo oggi il Varese ha evitato il 3-0 a tavolino, ma non si sa cosa accadrà nei prossimi giorni, se l'ultimo estremo tentativo di salvataggio avrà una qualche speranza di riuscita. Quest'oggi il Ferrera ha saputo approfittare della situazione (la squadra di Domenicali era molto raffazzonata) e con questa vittoria si avvicina a soli due punti dal Città di Vigevano, sconfitto in casa dalla Varesina.

L’inizio di partita è molto divertente ed entrambe le squadre si affrontano a viso aperto. Pericoloso il Varese al 5’, bell’assist di Lercara per Silla che però “cicca” il pallone. In tribuna intanto si presenta anche Claudio Benecchi, il dirigente varesino che sta tentando una difficile impresa di salvataggio, accolto dai tifosi con qualche timido abbraccio e strette di mano. C’è anche chi pronuncia parole come “Grazie presidente” e “Bravo”. Il Ferrera al 25’ è costretto a sostituire Busetti, infortunato, al suo posto entra Adejan. Al 32’ a sorpresa il Ferrera passa in vantaggio grazie a un bel diagonale di Rossi che batte Scapolo sul palo lontano. Sulle ali dell’entusiasmo il Ferrera al 37’ raddoppia con Mannozzi, bravo e lesto in ribattuta dopo il palo colpito dal solito Rossi. Al 40’ reagisce il Varese, ma Khuddy compie un miracolo prima su Lercara e poi su Mondoni. Il primo tempo si chiude con il Ferrera in vantaggio di due gol. Al 12’ della ripresa però il Varese accorcia le distanze con Scaramuzza, che dopo un batti e ribatti in area di rigore appoggia in rete. Il Varese insiste per trovare il gol del pareggio, ma oggi Khuddy è strepitoso. Il Ferrera, al 31’, riparte in contropiede e trova il terzo gol con Mannozzi. Reagisce subito il Varese, che al 33’ trova il secondo gol con un gran tiro al volo di Lercara. Nonostante l’assalto nel finale, il Varese non riesce a trovare il pareggio. Festeggia il Ferrera, che vince così la sua seconda partita in campionato e si rilancia in classifica.

Varese Scapolo, Lonardi (43' st Esopi), M’Zoughi, Travaglini, Bianchi (1' st Lonardi), Simonetto, Gestra, Mondoni, Lercara, Scaramuzza, Silla (22' st Ovalle). All. Domenicali.

Ferrera Khuddy, Cavuoto, Busseti (25' pt Adejan, 37' st Skendera), Guido, Battista, Mannozzi, Rabaioli, Giardina, Mullici, Rossi (19' st Lobartolo), Salomon. All. Falsettini.

Arbitro Grassi di Forlì.

Reti 32' pt Rossi, 37' pt Mannozzi, 12' st Scaramuzza, 31' st Mannozzi, 33' st Lercara.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni