calcio - promozione

Garlasco-Lomello, uno 0-0 che non annoia

Un Robbio disastroso è travolto a Gaggiano (5-0)

10 Novembre 2019 - 17:42

calcio promozione

La rete di Bardone (Lomello) annullata per fuorigioco

Termina a reti inviolate il derby tra Garlasco e Lomello. Un derby, però, che nonostante le statistiche si veste di un risultato bugiardo: entrambe le compagini si sono affrontate a viso aperto e di certo non è mancato lo spettacolo. Il Garlasco affronta i primi quarantacinque minuti con grande intensità, provando a costruire trame di gioco attraverso rapide verticalizzazioni. La squadra di Chierico è abile a contenere le fitte triangolazioni nello stretto di un Lomello che fa del possesso palla la migliore virtù. Al 20’ del primo tempo Pazzi prova a impensierire l’estremo difensore avversario, ma la conclusione si rivela velleitaria.  Con il passare dei minuti il Lomello aumenta l’aggressività della spinta offensiva e al 60’ l’assistente dell’arbitro con una segnalazione di fuorigioco nega la gioia del goal a Bardone.  I padroni di casa insistono con le costruzioni di gioco in verticale e al 65’ è ancora Pazzi a sfiorare la rete del  vantaggio. Ma la formazione di Lavenia è abile a trasformare le azioni difensive in offensive e sfrutta la velocità delle fasce per le incursioni in area dei centrocampisti: al 75’ Clementini, imbeccato da un ottimo traversone di Monopoli, sfiora di poco il palo difeso da Trezzi. Nei minuti finali il Lomello sposta il baricentro in avanti nel tentativo di vincere la gara, ma trova difficoltà di fronte alla solidità della retroguardia avversaria, coadiuvata dall’eccellente lavoro in fase di copertura dell’asse mediano gialloblù Svelto-Tedesco. Al triplice fischio il risultato rimane fermo sullo 0 a 0. Un pareggio che vale doppio per un Garlasco che abbandona momentaneamente la zona play out portandosi a quota 8 punti in classifica. Il Lomello sale invece a 18 punti e mantiene il terzo posto in classifica. 

Disastro Robbio che subisce una sonora cinquina sul campo dell’Accademia Gaggiano e ora con soli 8 punti in 10 partite si trova in zona play-out. Tutti si aspettavano di più dal Robbio in questo inizio di campionato, ma evidentemente le attese hanno superato quello che poi è il reale, una squadra che oggi è parsa davvero spaesata. Ecco le parole del direttore sportivo Piero Cordio: “Oggi non ci sono scusanti, non saprei nemmeno con chi prendermela. I ragazzi non erano in campo, è stata fatta una prestazione completamente sotto tono. Una sconfitta pesante, ora la classifica si fa bruttina. Sinceramente non ce lo aspettavamo, adesso domenica abbiamo una partita importante in casa, vediamo di ritrovare entusiasmo”. Nel primo tempo il Robbio crolla sotto i colpi di Migliavacca che segna una doppietta. Nella ripresa la squadra non c’è più e subisce altri tre gol: Cifarelli, Luciano e Kaddouri completano l’opera.

@l'informatore - Riccardo Invernizzi/Edoardo Perrotti

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Il grido di dolore del settore alberghiero

Giovanni Merlino, presidente di Federalberghi Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Pavia

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

e-book

Donazione della Protezione Civile di Sartirana all'AGAL

Donazione della Protezione Civile di Sartirana all'AGAL

il video

La campanella torna a suonare: bimbi nuovamente a scuola

La campanella torna a suonare: bimbi nuovamente a scuola

Pavia

Pieve del Cairo: la consegna borse di studio

Pieve del Cairo: la consegna borse di studio

In arrivo importanti fondi per l'Università di Pavia

In arrivo importanti fondi per l'Università di Pavia

Pavia

Natale a Pavia, la solidarietà verso i più deboli

Natale a Pavia, la solidarietà verso i più deboli

Vigevano, scontro tra auto in via San Giovanni

Vigevano, scontro tra auto in via San Giovanni

Oggi pomeriggio

Il grido di dolore del settore alberghiero

Giovanni Merlino, presidente di Federalberghi Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Pavia