calcio - prima categoria

Alagna, 1-1 nel big match col Landriano

Il Mortara batte il Valera Fratta (1-0), vince anche il Gambolò (1-3 alla Cavese)

Angelo Sciarrino

08 Dicembre 2019 - 18:44

Alagna, 1-1 nel big match col Landriano

Stefano Ventrice (Alagna)

L'Alagna aveva la possibilità di portarsi a un solo punto dalla capolista Landriano, ma lo scontro diretto andato in scena quest'oggi a Mezzana Bigli si è concluso in parità (1-1) al termine di una bella partita che lascia però un po' di amaro in bocca ai padroni di casa. Gli ospiti passano in vantaggio dopo pochi minuti grazie a un dubbio rigore concesso per un fallo di mani: dal dischetto trasforma Manzo. L'Alagna, nonostante alcune assenze (Bilardo e Stimolo tra gli altri) e la fatica di mercoledì scorso per la gara di recupero con il Gambolò, reagisce a in avvio di ripresa perviene al pareggio con Ventrice al termine di una bella triangolazione. Nel finale i padroni di casa lamentano la mancata concessione di un rigore per un presunto fallo ai danni di Vitale, spintonato a due passi dalla porta.

Bella vittoria del Mortara che in questo scorcio finale del girone d'andata sta provando a riassestare la sua classifica. L'undici di mister Garbagnoli ha superato l'ostica formazione del Valera Fratta grazie a una rete di Procopio nel finale. Si sapeva che la gara sarebbe stata difficile, sia per le qualità fisiche degli avversari, che per i buoni movimenti degli attaccanti. Il Mortara ha però disputato una gara accorta, non rischiando quasi niente, a parte un tiro di Licata, mentre i lomellini hanno avuto almeno tre-quattro occasioni nitide. A mezz'ora dalla fine è poi arrivata l'espulsione del portiere del Valera Fratta per un fallo su Ragusa lanciato a rete. A quel punto la gara si è innervosita, ma in prossimità del recupero Procopio si è confermato ancora letale in fase realizzativa. Il difensore, ormai impiegato stabilmente in attacco, sfrutta un velo di Lombardi, stoppa il pallone e si gira bene mandando la sfera a insaccarsi sotto la traversa.

Il Gambolò sfrutta il calendario tornando a casa con tre punti importanti dalla trasferta di Cava Manara contro il fanalino di coda Cavese (1-3). Gara ben indirizzata nel primo tempo grazie alla rete su rigore di Carnevale Schianca e al raddoppio del nuovo arrivato Paulato (il suo è un ritorno a Gambolò) su assist dell'onnipresente Carnevale Schianca che nella ripresa va a segno ancora dal dischetto. A risultato ormai acquisito, il Gambolò si siede sugli allori e consente alla Cavese di accorciare le distanze e di cogliere pure una traversa. Un rilassamento mentale che di sicuro non è piaciuto a mister Maggi.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

Le opere di Marco Lodola illuminano l'Ariston

il festival

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

AntonfART: «Le passioni hanno coltivato me»

il laboratorio

Renato Tassiello, “Il sognatore”

Renato Tassiello, “Il sognatore”

debutto discografico

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

Franz Pelizza all'Expo d’arte internazionale di Innsbruck

fino a domenica

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

Una villa storica... e Alessandro Manzoni

storie di lomellina

Dall’Io verso la città-polis

Silvano Petrosino, professore di Filosofia della Comunicazione alla Cattolica di Milano

Dall’Io verso la città-polis

le conferenze

La grande arte? La si vede al cinema

La grande arte? La si vede al cinema

dal 14 gennaio

Dal “Reading book challenge” alle letture silenziose

Dal “Reading book challenge” alle letture silenziose

in biblioteca a gambolò

Con Dapporto al Cagnoni va in scena l’Italia piccolo-borghese

Con Dapporto al Cagnoni va in scena l’Italia piccolo-borghese

stagione di prosa