reati ambientali

Traffico di rifiuti dalla Campania alla Lombardia: 6 aziende coinvolte

L' indagine “Venenum” della questura di Milano partita dopo un incendio divampato nell’ottobre scorso all’interno di un’azienda del milanese

Ilaria Dainesi

27 Febbraio 2019 - 18:52

Invece di far confluire i rifiuti nelle discariche autorizzate o nei termovalorizzatori, gli intestatari di almeno 6 aziende abbandonavano i rifiuti in capannoni posti su terreni affittati.

Sono 15 le persone coinvolte nell’indagine “Venenum” condotta dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Milano e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano. A conclusione dell’operazione 8 persone sono finite in carcere, per 4 sono stati disposti gli arresti domiciliari e per gli altri 3 il divieto di dimora. Tutti sono ritenuti responsabili a vario titolo di reati ambientali – traffico illecito di rifiuti, attività di gestione dei rifiuti non autorizzata nonché intestazione fittizia di beni avendo gestito abusivamente 37mila metri cubi di rifiuti. Invece di far confluire i rifiuti nelle discariche autorizzate o nei termovalorizzatori, gli intestatari di almeno 6 aziende abbandonavano i rifiuti all’interno di capannoni posti su terreni intestati o affittati anche con il coinvolgimento di prestanome. Tale sistema ha permesso ai criminali di avere un guadagno stimato intorno al milione di euro. L’indagine è iniziata a seguito di un incendio divampato il 14 ottobre scorso all’interno di un’azienda in via Chiasserini a Milano che si occupa di stoccaggio di rifiuti e, da lì, i poliziotti della Squadra mobile hanno ricostruito l’intera filiera che coinvolgeva società di raccolta, autisti compiacenti e affittuari di terreni e capannoni. Gli investigatori sono stati anche in grado di classificare i rifiuti smaltiti illegalmente accertando che si tratta di rifiuti domestici (incluse le piazzole ecologiche) e rifiuti provenienti dalle attività produttive artigianali. Tali rifiuti, prima di essere abbandonati nei capannoni e sui terreni, venivano portati nei centri di trattamento dove, attraverso la pressatura a cubi, i rifiuti venivano compattati meccanicamente e tenuti insieme mediante filo di ferro. Le zone interessate dallo stoccaggio abusivo sono state individuate in provincia di Venezia, Lodi e Verona. La polizia ha anche accertato che i rifiuti provenivano per buona parte dalle province di Salerno e Napoli. Oltre ai soldi confluiti sui conti correnti la Polizia ha sequestrato il capitale sociale delle 6 aziende coinvolte e 13 mezzi pesanti utilizzati per la commissione dei reati.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

mostra collettiva

"Bacco al Portone" con il gruppo "Zefiro Ensemble"

"Bacco al Portone" con il gruppo Zefiro Ensemble

A Vigevano

A Vigevano il "Rolling Truck Street Food Festival"

A Vigevano il "Rolling Truck Street Food Festival"

ieri l'inaugurazione

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

sabato sera

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Successo per "La Traviata"

Successo per "La Traviata"

Ieri sera in castello

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

mostra collettiva

A Vigevano Fiorella Mannoia con il “Personale Tour”

A Vigevano Fiorella Mannoia con il “Personale Tour”

Il concerto