armi e droga

Due chili e mezzo di cocaina sotto il piatto doccia: 4 arresti

Sequestrati 15 mila euro in contanti, 1,5 chilo di marijuana, pistole e munizioni

Ilaria Dainesi

21 Marzo 2019 - 14:31

Il materiale sequestrato dai carabinieri

La complessa operazione dei carabinieri ha coinvolto i militari del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Stradella e delle Stazioni  di Montù Beccaria, Stradella e Broni, supportati anche da due unità cinofile del Nucleo Carabinieri Cinofili di Orio al Serio

I carabinieri sospettavano che detenessero all’interno della loro abitazione armi da fuoco. Il 13 marzo, a Broni, sono stati arrestati padre e figlio: R.V., 52enne autotrasportatore albanese con precedenti, e R.C., operaio 21enne italiano che viveva con il genitore.  I due sarebbero responsabili, a vario titolo e in concorso tra loro, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi, detenzione abusiva di munizionamento e ricettazione. All’interno della loro casa i carabinieri hanno trovato:

  • una pistola revolver “taurus”, calibro 44 magnum, risultata provento di un furto in abitazione  commesso ad Abbiategrasso il 14 dicembre 2017
  • una pistola semiautomatica “beretta”, calibro 7,65, non censita in banca dati, di probabile provenienza furtiva
  • 52 munizioni calibro 38 special
  • 30 munizioni calibro 44 magnum
  • 3 munizioni calibro 7,65
  • una busta contenente oltre 1,5 chilogrammi marijuana e alcune bustine contenenti circa 20 grammi di cocaina
  • due bilancini di precisione e vario materiale per il confezionamento delle dosi
  • 15 mila euro in contanti, denaro ritenuto provento dell’attività di spaccio

 L’operazione dei carabinieri è continuata fino a tarda notte e ha portato all’arresto di altre due persone: U.K, 24enne albanese residente a Broni, e T.D., 26enne albanese domiciliato a Casanova Lonati, entrambi nullafacenti e con precedenti. I carabinieri li avevano spesso visti insieme R.V. e R.C. e, dopo una serie di pedinamenti, hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare in un immobile di Casanova Lonati: sotto un piatto  doccia di un locale contiguo e non abitato, i militari dell’Arma hanno trovato due pacchi confezionati con nastro da imballaggio con all’interno quasi 2,5 chili di cocaina. I due, arrestati in flagranza, dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. Le armi e le sostanze stupefacenti, sottoposte a sequestro, saranno custodite in attesa di effettuare gli accertamenti balistici e le analisi di laboratorio. Tutti gli arrestati si trovano all’interno della casa circondariale di Pavia; lunedì sono stati convalidati gli arresti, con custodia in carcere.

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Mede, festa in piazza per i diciottenni

Mede, festa in piazza per i diciottenni

ieri

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

natura

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

pavia

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

voghera

Trenini turistici, si torna a bordo

Trenini turistici, si torna a bordo

pavia

Teatro Fraschini, via ai restauri

Teatro Fraschini, via ai restauri

pavia

Pavia: ristoratore obbligato a rimuovere i tavoli per un errore nel permesso

Pavia: ristoratore obbligato a rimuovere i tavoli per un errore nel permesso

Pavia-Hildesheim, 20 anni di gemellaggio

Pavia-Hildesheim, 20 anni di gemellaggio

pavia

Davide Ferro: "Un messaggio di positività"

Davide Ferro: "Un messaggio di positività"

L'intervista video