In Italia e all'estero

La Guardia di Finanza sequestra beni per 30 milioni di euro ad un imprenditore lomellino

Umberto Zanichelli

21 Gennaio 2020 - 18:40

La Guardia di Finanza sequestra beni per 30 milioni di euro ad un imprenditore lomellino

L'operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Bologna

Per il Tribunale di Bologna si tratta di un "soggetto fiscalmente e socialmente pericoloso".

«Si tratta di un soggetto fiscalmente e socialmente pericoloso». Così il Tribunale di Bologna ha motivato il provvedimento di sequestro di prevenzione di beni mobili, immobili, contanti e quote societarie, effettuato dai militari della Guardia di Finanza del capoluogo emiliano, a carico di un imprenditore lomellino, Vincenzo Scandurra di 72 anni. Tra i beni oggetto del sequestro rientrano 10 immobili, alcuni situati in Lomellina, di cui tre complessi di pregio con parco, piscina e autorimessa e uno del valore di 7 milioni di euro a picco sul mare nella località francesce di Roquebrune-Cap Martin, oltre a 30 auto tra cui diverse Bentlety, Ferrari e Range Rover e auto d'epoca.

Il provvedimento rappresenta lo sviluppo dell'operazione "Mille miglia" del 2016, nel corso della quale l'imprenditore era stato denunciato con altre 14 persone e poi arrestato per aver distratto dal patrimonio di una società con sede a Bologna 7 milioni e mezzo di beni. L'indagine aveva appurato che l'imprenditore, fittiziamente residente nel Principato di Monaco, commerciasse autoveicoli di assoluto pregio in Italia omettendo di dichiarare redditi per 96 milioni di euro. Secondo i riscontri delle Fiamme Gialle l'imprenditore dal 1984 ad oggi, come persona fisica e tramite persone giuridiche di comodo, ha accumulato un debito con l'erario pari a 140 milioni di euro.

Gli approfondimenti investigativi hanno accertato che l'uomo risultava nullatenente ed indigente, avendo dichiatato dal 1979 ad oggi redditi per soli 165 mila euro, disponendo di fatto di un patrimonio di almeno 30 milioni di euro in Italia e all'estero.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Safe1945

    22 Gennaio 2020 - 10:31

    Spero che abbiano concesso a lui e alla sua famiglia almeno il reddito di cittadinanza (ah no, risiede a Montecarlo) e l'esenzione dai ticket sanitari!!!!

    Report

    Rispondi

Le poesie di Rodari sulle panchine decorate da Ale Puro

Le poesie di Rodari sulle panchine decorate da Ale Puro

a mede

Vigevano, inaugurata oggi in Castello la mostra "Il filo della storia"

Vigevano, inaugurata oggi in Castello la mostra "Il filo della storia"

Il video

Il passaggio da Vigevano della 19esima tappa

Il passaggio da Vigevano della 19esima tappa

ciclismo - giro d'italia

Inaugurato al centro sportivo "Antona" il nuovo impianto di Padel

Inaugurato al centro sportivo "Antona" il nuovo impianto di Padel

Vigevano

Gambolò: Anna Preceruti è il nuovo vicesindaco. In giunta entra Gagliazzi

Gambolò: Anna Preceruti è il nuovo vicesindaco. In giunta entra Gagliazzi

politica

Prima serata di coprifuoco a Vigevano

Prima serata di coprifuoco a Vigevano

il video

Rassegna Stampa Informatore Vigevanese

Rassegna Stampa Informatore Vigevanese

EDIZIONE 22 OTTOBRE

Agricoltura, Ciocca: «No alle carni sintetiche.  Difendiamo i nostri prodotti e la nostra filiera»

Agricoltura, Ciocca: «No alle carni sintetiche. Difendiamo i nostri prodotti e la nostra filiera»

l'intervento

Le poesie di Rodari sulle panchine decorate da Ale Puro

Le poesie di Rodari sulle panchine decorate da Ale Puro

a mede