Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

il caso

«Le strade di Gambolò non sono una pista»

Il sindaco annuncia controlli congiunti con pattuglie dotate di telelaser ed etilometro

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

19 Febbraio 2022 - 12:17

«Le strade di Gambolò non sono una pista»

Immagine di repertorio

Nell’ultimo mese elevati verbali per qualche decina di migliaia di euro, molte le auto non assicurate

«Renderemo la vita impossibile a tutti questi piloti di Formula 1 della domenica». Il sindaco di Gambolò, Antonio Costantino, promette il pugno di ferro nei confronti di chi si mette al volante senza rispettare i limiti di velocità. In queste settimane il fenomeno sembra aver registrato un’intensificazione, come emerge anche dai verbali elevati nell’ultimo mese. Si parla di oltre 40 mila euro di multe, ma il primo cittadino non conferma il dato. «I conteggi non sono definitivi – precisa il primo cittadino – Alcune pratiche sono ancora in lavorazione. Ma posso senz’altro confermare che, in un mese, sono state elevate sanzioni per qualche decina di migliaia di euro. E questo ci preoccupa. Il problema esiste, e infatti molti cittadini ci hanno segnalato auto che a tutte le ore del giorno e della notte sfrecciano come fossero in circuito. Tutto ciò non è tollerabile e finirà presto. Insieme alla polizia locale, abbiamo predisposto un piano per fermare questi irresponsabili».

Il controlli saranno predisposti dal Comando della polizia locale di Gambolò, in collaborazione con altre forze dell'ordine

I punti più problematici sembrano essere via Lomellina, via Rozza, corso Garibaldi, via Roma e corso Umberto. Anche la zona di viale Industria, in particolare all’altezza del Famila, sarà attenzionata. I punti cardini saranno tre: l’utilizzo del telelaser – strumento che permette di rilevare la velocità dei veicoli in transito –, l’uso dell’etilometro e, soprattutto, la predisposizione di controlli congiunti per fermare immediatamente i veicoli che non rispettano i limiti.

Nella foto in alto, il sindaco di Gambolò Antonio Costantino (Lega)

«La comandante della polizia locale Maria Teresa Gaino – spiega il sindaco – predisporrà dei controlli “a macchia di leopardo”, in diversi punti del territorio comunale. A tutte le ore del giorno e della notte. Li organizzeremo in convenzione con le altre forze dell’ordine, anche perché il nostro comando non ha in dotazione l’etilometro. Le pattuglie, ferme in più punti, fermeranno immediatamente chi non rispetta i limiti. Finora, quasi tutti i verbali per eccesso di velocità sono stati elevati nei confronti di persone non residenti a Gambolò. Stiamo parlando di circa il 90%. Ma ci preoccupa un altro aspetto: sono tantissime le auto trovate prive di una copertura assicurativa. Mi chiedo: cosa succede in caso di incidente? Dobbiamo cercare di prevenire ed eliminare sul nascere eventuali rischi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400