Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

OPERAZIONE "METROPOLI - HIDDEN ECONOMY"

'Ndrangheta: traffico di droga, mitragliatori da guerra e intestazione fittizia di beni

Eseguiti 13 fermi dalla Guardia di finanza di Pavia e Milano e i militari dello S.c.i.c.o. di Roma

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

06 Settembre 2022 - 09:28

Sono accusati di far parte di un'associazione a delinquere,  aggravata dal metodo mafioso, finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, all'intestazione fittizia di beni, alla detenzione e al porto illegali di armi, anche da guerra. I finanzieri dei Comandi Provinciali di Pavia e Milano, in collaborazione con i militari dello S.c.i.c.o di Roma – il Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata, reparto speciale della Guardia di Finanza  – stanno eseguendo un fermo di indiziato di delitto nei confronti di 13 soggetti e un sequestro preventivo d’urgenza nei confronti di due attività imprenditoriali

L'indagine “Metropoli – Hidden Economy”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, ha permesso di sgominare un’associazione criminale dedita al traffico di cocaina, hashish e marijuana e all’intestazione fittizia di beni. Al vertice, ci sarebbe «il figlio dello storico esponente apicale di un sodalizio di ‘ndrangheta del quartiere Comasina di Milano – spiegano dalle Fiamme Gialle – Le investigazioni economico-finanziarie hanno permesso di ricostruire i flussi di danaro e rilevare come una carrozzeria, utilizzata dagli indagati anche per la riparazione di auto in danno di istituti assicurativi, ed un negozio di articoli sportivi, entrambi ubicati nella provincia di Milano e formalmente intestati a terzi soggetti, fossero in realtà riconducibili all’indagato principale».

I finanzieri hanno ricostruito  le rotte della droga, effettuando sequestri anche in territorio svizzero, scoprendo anche una serie di episodi estorsivi nei confronti di "clienti" morosi. È stato inoltre intercettato un traffico di armi anche da guerra, quali mitragliatori Kalashnikov riforniti da cellule calabresi e balcaniche collegate.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400