«Due aziende su dieci rischiano la chiusura»

Il documento di Confartigianato sulla ripresa post Covid

Bruno Ansani

21 Luglio 2020 - 16:23

«Due aziende su dieci rischiano la chiusura»

Grechi e Gallonetto durante la conferenza stampa di martedì

VIGEVANO - A poco meno di quattro mesi dal lockdown delle attività produttive, il presidente di Confartigianato Lomellina, Luigi Grechi, ha presentato in una conferenza stampa con il segretario generale Roberto Gallonetto il documento della nuova normalità per «aprire il cantiere dell’economia post-Covid e lanciare una sfida al territorio». «Serve una società migliore, sarà dura ma dobbiamo lavorare per far ripartire la locomotiva-Lomellina». Ma c'è grande preoccupazione per gli scenari che si presenteranno al ritorno dalle vacanze di agosto. "Due aziende su dieci - ha detto Grechi - rischiano seriamente la chiusura, mentre altee cinque navigano in difficoltà pesanti». 

Il documento per la nuova normalità (clicca per scaricare) della Lomellina e della provincia di Pavia è stato realizzato per condividere un percorso di ripresa delle imprese e del territorio e per rigenerare il dialogo tra mondo economico e istituzioni: «Abbiamo aperto un cantiere della concretezza con l’obiettivo di non lasciarlo rinchiuso nella sede di questa associazione. Da questo momento al cantiere delle idee hanno libero accesso tutti coloro che hanno interesse a dare a questo territorio una nuova identità e una nuova consapevolezza delle proprie potenzialità» dice il presidente di Confartigianato Lomellina, Luigi Grechi, nel presentare le sette pagine contenenti la sintesi del percorso delineato per risalire la china. «Abbiamo ragionato ipotizzando azioni forti a sostegno della fiducia, della riorganizzazione aziendale, della capacità di supportare l’innovazione e di rigenerare il territorio in modo più performante – continua Grechi – Siamo pronti a sottoscrivere ogni proposta ma anche a renderla patrimonio dell’intera Lomellina». «In questi mesi le imprese hanno sofferto ma il momento più critico arriverà dopo l’estate: farsi trovare pronti è un nostro preciso dovere» aggiunge il segretario generale, Roberto Gallonetto, che argomenta: «Dobbiamo mettere in preventivo interventi strutturali e di facile attuazione per invertire le tendenze negative». A cominciare dal sostegno, indispensabile, alle imprese che garantiranno il pagamento puntuale dei pagamenti ai propri fornitori. Lo stesso vale per le pubbliche amministrazioni, alle quali si chiede lo sforzo di rientrare da ritardi che in molti casi superano quelli imposti dalla legge (30-60 gg, a seconda del tipo di ente) per elevare il livello di fiducia delle imprese e alle imprese. Fondamentale anche la valorizzazione degli investimenti in tutela dell’ambiente che «pensiamo possano accrescere il livello di fiducia delle giovani generazioni nei confronti delle aziende che compiranno sforzi in quella direzione». Sempre al capitolo fiducia, Grechi e Gallonetto iscrivono quella delle aziende nei confronti di un territorio che deve essere predisposto ad accoglierle attraverso percorsi di semplificazione normativa, sburocratizzazione, accelerazione delle pratiche, redazione di piani di governo del territorio adattabili a potenziamenti-ampliamenti strutturali, azioni giudiziarie rapide. «L’impegno collettivo non è più derogabile» sottolinea Grechi ricordando inoltre il valore del welfare di comunità e l’importanza di non scaricare sugli imprenditori il compito di integrare servizi che sono, e devono restare, in capo allo Stato. «Pronti a collaborare ma non a ricevere uno scaricabarile di competenze non nostre». «Alla fiducia andrà affiancata la capacità di riorganizzazione delle imprese e, per fare in modo che ciò avvenga, occorre che la liquidità possa essere indirizzata su interventi strutturali e non al pagamento delle tasse, perlomeno nel 2020». «La riorganizzazione non potrà, poi, prescindere dai percorsi di formazione per l’accrescimento e la diversificazione delle competenze, da sostenere con le modalità del Piano Nazionale Impresa 4.0». Tema bollente, quello della formazione, perché – ricordano Grechi e Gallonetto lanciando un monito collettivo, «la tenuta del Paese dipende dalla crescita e dallo sviluppo del suo capitale umano» e, si aggiunga, «dalla riduzione del digital divide» che è la premessa per accedere alle opportunità offerte dalla digitalizzazione. Nel documento, scritto in settimane di riflessione e soggetto a più revisioni (anche alla luce dei tanti Dpcm e Dl susseguitisi negli ultimi mesi), grande rilevanza assume il fronte dell’innovazione che, per le imprese, «deve tradursi in prima battuta in una rapidità legislativa utile ad assecondare la corsa ad agganciare nuove produzioni, nuove modalità produttive e nuovi mercati».


Altra chiave di volta è la «valorizzazione di specificità e identità territoriali: noi – rivendica Grechi – siamo la parte produttiva della provincia di Pavia, qui c’è il cuore della manifattura e qui occorre che si apra un nuovo dialogo con Milano e con i territori manifatturieri della Lombardia (e del mondo, si intende)».Un richiamo a tessere un nuovo dialogo con la città metropolitana dove la forza di un tempo, la prossimità, in era Covid rischia di diventare una debolezza, al punto da ipotizzare uno scenario di devoluzione di funzioni e centri produttivi ai territori più prossimi all’area meneghina. «Guai a perdere l’occasione» rilevano Gallonetto e Grechi. Ultimo, ma solo perché si spera possa diventare primo, il fronte territoriale, con le grandi strutture ferme al palo da anni di “in e out” politici e non solo e ora ai margini dell’asse dello sviluppo. E non è tutto. Grechi ha in canna un altro colpo: ed è quello dei servizi. «Confartigianato Lomellina ritiene che l’accorpamento, al fine di renderli più efficaci e, al contempo, meno onerosi, non sia più rinviabile. Sistema fognario, gas, rifiuti, gestione della rete idrica e dei trasporti non devono essere ritenuti feudi “microterritoriali” ma devono, a nostro giudizio, affrontare un processo di riorganizzazione e accorpamento in grado di renderli performanti e funzionali a di trasformare di riflesso i nostri comuni in luoghi attrattivi ed economicamente competitivi per chi desidera fare impresa». «Non basta, a nostro giudizio, sforbiciare i consigli di amministrazione. Dobbiamo sforbiciare le sovrastrutture burocratiche inutili e rendere trasparenti i bilanci». La sfida è lanciata, chi avrà il coraggio di raccoglierla?

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

il sopralluogo

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

oggi a mede

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

pavia

Mede, festa in piazza per i diciottenni

Mede, festa in piazza per i diciottenni

ieri

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

natura

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

pavia

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

voghera

Trenini turistici, si torna a bordo

Trenini turistici, si torna a bordo

pavia

Teatro Fraschini, via ai restauri

Teatro Fraschini, via ai restauri

pavia