Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

ECONOMIA

Il futuro è l'industria on demand: con le nostre macchine le risposte a ogni domanda

Parla il direttore di Assomac, Roberto Vago. L'associazione dei meccano-calzaturieri ha aperto un'ambasciata nel centro di Milano per creare un ponte con reale con la metropoli

Bruno Ansani

Email:

bruno.ansani@ievve.com

12 Maggio 2022 - 17:23

Il futuro è l'industria on demand: saper dare risposte alla soluzioni con le nostre macchine

In due anni sono arrivate una pandemia e una guerra. Traumi che hanno frantumato tutte le sfere di cristallo costringendo il mondo produttivo - anche il distretto vigevanese - a procedere per tentativi che presuppongono una forte capacità di reinventarsi e di lanciare nuove sfide.

Quella che sta lanciando Assomac, l’associazione dei produttori di macchine per calzature pelletteria e conceria - insieme ad altri comparti industriali appartenenti a Federmacchine a partire da tessili e chimici - riguarda la diversificazione del prodotto e l’economia circolare, ovvero il riciclo dei materiali, la loro lavorazione, persino il recupero dei componenti delle macchine vecchie.

 L'ANDAMENTO DEL MANIFATTURIERO SECONDO UNIONCAMERE 

Secondo i dati di Unioncamere Lombardia, nel periodo gennaio-marzo 2022, la produzione industriale lombarda è salita dell'1,8% rispetto al trimestre precedente, mostrando un rallentamento dell'intensità della crescita. In confronto al primo trimestre 2021, invece, è stato segnato un +11,2% e tale variazione non è più falsata dai risultati del 2020 legati al lockdown imposto a causa del Covid-19 e alla caduta della domanda.

Crescono maggiormente in questo trimestre i settori del comparto moda (Abbigliamento, Pelli-Calzature e Tessile) ma scontano gap significativi da recuperare rispetto al dato medio. Rimane alta l'attenzione sui prezzi per i rincari di beni energetici, delle materie prime e componenti varie. Rispetto al I° trimestre 2021 i prezzi delle materie prime sono cresciuti mediamente del 57,6% per le imprese industriali e del 76,8% per le artigiane. Persistono difficoltà di approvvigionamento con rallentamenti e interruzioni delle catene di fornitura.

«Noi sappiamo lavorare la pelle in tutto il suo ciclo e non esiste un materiale così difficile da trattare. Quindi possiamo fare praticamente ogni cosa per rispondere alle esigenze dell’industria manifatturiera», dice Roberto Vago, direttore di Assomac da fine 2019. «La domanda che dobbiamo farci - prosegue - è se il nostro modello produttivo, quello che abbiamo creato e conosciuto è ancora trainante. E se la risposta è no, come sarà sostituito? Le persone avranno sempre bisogno di scarpe e vestiti, il mondo sarà ancora più popolato e a breve saremo 9 miliardi su questo pianeta. Ma si consuma meno e si sceglie come farlo. Non ci sono nemmeno le risorse per produrre a sufficienza. Oggi il cotone è la materia prima che ha subito i maggiori aumenti: non si possono fare magliette per tutti».

Il direttore di Assomac Roberto Vago, in carica da fine 2019

E qui entra in scena il tema del recupero e della sostenibilità, che va di pari passo con la customizzazione della produzione, che deve essere «sempre più indirizzata verso la capacità di rispondere alle esigenze specifiche, al saper dare soluzioni e risposte ai problemi e alle richieste». L’industria italiana, secondo Vago, ha le caratteristiche giuste per adattarsi a queste trasformazioni: «Anche dall’estero vengono qua a cercare risposte, perché si crede nella creatività italiana e nella nostra capacità di trovare soluzioni apparentemente fuori dalla logica».

2023, L'ANNO DELLE OPPORTUNITA' 

ITMA, la più grande fiera mondiale della tecnologia tessile e dell’abbigliamento, nel 2023 si terrà a Milano. La manifestazione si tiene ogni quattro anni dal 1951 ed è itinerante. ITMA è la più importante esposizione settoriale su scala mondiale. I visitatori abituali sono circa 150.000: generalmente operatori altamente qualificati e con poteri decisionali. Nessuna industria tessile, nel decidere l’acquisto di nuovi macchinari può prescindere dal visitare l’ITMA, che rappresenta la vetrina mondiale del meccanotessile. Italia che quindi torna al centro dell’offerta mondiale per la manifattura. Un’occasione da non perdere in un 2023 che presenterà da giugno a ottobre l’incrocio di tutti gli eventi più importanti per l’industria del nostro territorio, comprendendo anche le edizioni delle diverse fiere di settore. fiera mondiale del tessile

L’industria italiana capace di magie, come i test che si stanno facendo, proprio a Vigevano, con una sinergia tra meccanici e chimici, per trasformare gli scarti della pelle (che generalmente finiscono in discarica) in pannelli isolanti e fonoassorbenti. È solo un esempio di come anche il nostro distretto industriale «possa e debba mettere queste capacità in vetrina e offrirle a un mondo che ha bisogno di soluzioni».

Una filosofia che Assomac ha riassunto in uno slogan che trasforma il classico “Made in Italy” con un più aggiornato “Made With Italian Technology”. La sfida è sempre quella col gigante cinese, anch’esso colpito duramente nei suoi vantaggi competitivi (il solo costo dei trasporti l’ha annullato in buona parte e l’aumento dei costi energetici e delle materie prime vale anche per Pechino). «Ma i cinesi non dormono - avverte Vago - Stanno lavorando a un piano che rivoluziona il loro modo di produrre e che tende a imporre nel mondo i loro standard di produzione. Per noi sarebbe un colpo letale».

Secondo il direttore di Assomac è necessario investire nel cambiamento, creando anche nella nostra zona e nel settore delle macchine, «incubatori di idee e imprese, hub tecnologici che offrano soluzioni per produrre: i nostri supermercati del saper fare. Gli esempi ci sono: per restare in Lombardia ecco Como Next e il Kilometro Rosso della Bergamasca». Serve l’aiuto delle istituzioni, ovviamente, per mettere in rete e condividere, che è sempre stato uno dei grandi limiti delle nostre imprese. Ma oggi stare insieme non è più nemmeno una scelta, è una necessità vitale.

L'AMBASCIATA MILANESE 

La villa storica di via Tevere, sede di Acimit, l'associazione dei produttori macchine tessili. Al suo interno uno spazio è stato riservato alle attività di Assomac,la cui sede resta però saldamente a Vigevano

Per il nostro territorio significa anche dialogare con altri settori industriali e connettersi con Milano in modo concreto. Per questo, da inizio aprile, Assomac ha aperto un ufficio anche nel capoluogo lombardo. Si trova in via Tevere, a due passi dalla Triennale e dalla stazione Cadorna. Una vera e propria “ambasciata” della nostra industria, ospitata nella villa storica che è sede dell’associazione dei produttori di macchine tessili. Mentre il cuore operativo e gestionale dell’associazione è saldamente ancorato a Vigevano, il punto milanese serve a coltivare relazioni, a ricevere ospiti internazionali, a inserirsi nel tessuto economico della metropoli che per prima sta affrontando i cambiamenti epocali. «Il ponte con Milano - conclude Vago con una battuta fortemente evocativa - noi lo abbiamo già fatto».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400