rassegna letteraria

Come uscire dalla crisi? Stasera l’intervento dell’economista Carlo Cottarelli

Alle 21 in Cavallerizza in un dialogo con Mauro Meazza, caporedattore centrale del Sole 24 Ore

Davide Maniaci

14 Ottobre 2021 - 17:29

Come uscire dalla crisi? Stasera l’intervento dell’economista Carlo Cottarelli

«Non chiedetemi se c’è una ricetta per uscire dalla crisi economica. Non c’è: non siamo in cucina. Bisogna rimboccarsi le maniche, farlo subito e smetterla di dare la colpa agli altri». Parole secche, precise, essenziali, disilluse. Così Carlo Cottarelli, uno dei più celebri e quotati economisti italiani, riassume il suo intervento a Vigevano. Verrà in Cavallerizza stasera, giovedì 14, alle 21 nell’ambito della Rassegna Letteraria. In un dialogo con Mauro Meazza, caporedattore centrale del Sole 24 Ore, l’evento “L’economia che verrà” si collega con “All’inferno e ritorno”, l’ultimo saggio a tema scritto da Cottarelli edito da Feltrinelli.

«In questa situazione post pandemica, in cui l’economia cresce leggermente - dichiara l’economista in una breve chiacchierata pre intervista - e l’Unione Europea ha dato fondi a getto, dipende veramente da noi. Salvo recrudescenze del Covid, nella prima metà del prossimo anno si potranno tirare le somme dopo un ventennio in cui l’economia non fa altro che scendere. Ripeto: chi comanda si prenda le proprie responsabilità, cercando di garantire più uguaglianza possibile. L’alternativa è vedere ancora i giovani migliori che vanno via, e quelli che vivono sulle spalle degli altri che rimangono.
Se così dovesse essere vuol dire che ce lo saremo meritato: la Storia è piena di Nazioni potenti che falliscono, è nell’ordine delle cose».

Chirurgico, lucido, senza sconti. Si preannuncia una serata di grande divulgazione. “All’inferno e ritorno” segue lo stesso schema. «Ora - riassume la trama - abbiamo davanti a noi la responsabilità della ricostruzione. Per questo ci vuole la politica, e infatti questo è un libro (anche) politico. Perché parla di come la società italiana dovrebbe funzionare sulla base di un principio ideale: la possibilità per tutti di avere un futuro nella vita, indipendentemente dalle condizioni in cui si è nati. È importante che le agende politiche partano da una chiara enunciazione della società che si vorrebbe realizzare. Altrimenti, la politica diventa personalismo, opportunismo e cinismo.

«Dalla crisi stiamo emergendo, ma non basta tornare a dove eravamo nel 2019, l’anno che ha chiuso il peggior ventennio nella storia economica d’Italia. Per ripartire davvero servono riforme radicali nella nostra economia e nella nostra società».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Reti Sonore alla Casa Rotonda: la musica risveglia i luoghi

Reti Sonore alla Casa Rotonda: la musica risveglia i luoghi

l'evento

“Storie di Vino": sabato sul Ponte Coperto  degustazioni di vino ed altre eccellenze

“Storie di Vino": sabato sul Ponte Coperto degustazioni di vino ed altre eccellenze

pavia

Mede, riapre il teatro Besostri

Mede, riapre il teatro Besostri

il concerto

Inaugurata la mostra fotografica "Grandangolo"

Inaugurata la mostra fotografica "Grandangolo"

pavia

Il compleanno? Si festeggia al museo

Il compleanno? Si festeggia al museo

pavia, kosmos

Cultura, chi si ferma è perduto...

Un momento del confronto, sabato 2 ottobre 2021

Cultura, chi si ferma è perduto...

il confronto

Davide Rhoss, l'artista che dipinge con il bitume

Davide Rhoss, l'artista che dipinge con il bitume

Nel video l'intervista con l'artista originario di Mede

Giornata uggiosa? C'è sempre il cinema!

Giornata uggiosa? C'è sempre il cinema!

i film in sala

Inaugurata oggi al Castello Visconteo la mostra "Fons Vitae"

Inaugurata oggi al Castello Visconteo "Fons Vitae"

pavia