Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

cassolnovo

A teatro i 530 anni di piazza Ducale

Le foto di Cristiano Vassalli sono lo spunto del testo di Mimmo Sorrentino. In scena attori e musicisti

Annalisa Vella

Email:

annalisa@ievve.com

30 Novembre 2021 - 15:45

A teatro i 530 anni di piazza Ducale

Piazza Ducale di Vigevano immortalata da Cristiano Vassalli

Giovedì 2 e venerdì 3 dicembre alle ore 21 al teatro Verdi di Cassolnovo va in scena “530 anni di piazza Ducale”, scritto e diretto da Mimmo Sorrentino su foto di Cristiano Vassalli.

Lo spettacolo sarà interpretato da Luca Cavalieri, Sonia Barbic, Nicoletta Lodola, Paride Ferrari, Monica De Vizzi, Daniela Mosconi, Neva Barbic, Cristina Casati, Luisa Monte, Manuela Monaco, Monica Garcia, Fabio Canegalli, Roberta Fiocchi, Sonia Zalunardo, Giuseppe Sciacca, Jacopo Ferrari, Iacopo Crispino, Luisa Vitiello, Nadia. In scena anche i musicisti del gruppo vigevanese dei Kuadra: Simone Tiraboschi, Yuri La Cava e Jonathan Norani.

Mimmo Sorrentino drammaturgo e regista

“Piazza Ducale è così intensa e straordinaria che è difficilissimo rappresentarla perché le immagini tolgono, impoveriscono invece che esaltare. Ma dopo aver visto le foto di Cristiano Vassalli mi sono detto che forse si poteva provare perché Cristiano costruisce storie con le sue foto e le storie sono fatte per essere raccontate. E l’ho fatto non solo con parole mie ma prendendo spunto da Pascoli, Dino Campana. Ho preso a prestito la loro lingua perché porta oltre al contemporaneo, oltre alla storia. E’ una sorte di contaminazione tra cultura pop e classica, che è poi l’anima della piazza», spiega il regista Mimmo Sorrentino.

In scena tantissimi attori e musicisti. La piazza è il luogo dell’incontro sociale. Dello stare insieme e allora ecco che sul palco stanno insieme tantissime persone, ognuna portatrice della propria storia, ma anche del contesto da cui proviene. In piazza ci si va raramente da soli. Di solito in compagnia e la compagnia è un luogo geografico, economico, culturale, linguistico. Così in scena ci saranno diverse lingue. Diversi colori. “La piazza è prima di ogni altra cosa scena della vita collettiva di passaggio, di riposo e vi si possono incontrare tutti i generi di persona: il bambino, l’anziano, il ricco, il povero e il senzatetto, sono tutti sotto lo stesso cielo”. Ed è forse per questo, come si dice nel testo che la filosofia è nata in piazza. “Socrate andava in piazza e parlava con la gente”.

Quando si vive in un luogo si finisce per non vederlo più. Ci si abitua. Smette di sorprenderci. Di parlarci. Diventa parte del quotidiano. L’intento di questo spettacolo è far sì che i vigevanesi rivedano piazza Ducale, la sua bellezza, la sua storia e nel ritornarci, dopo il teatro, riconoscano che hanno la fortuna di vivere in una città che custodisce un tesoro di immenso valore, bellissimo e che continua con la sua storia a parlarci”.

Altro appuntamento è domenica 5 al Bacaro in via del Popolo a Vigevano dove continuano le letture del libro “Che tutto sia bene”. Il libro, acquistabile in piazza alla Feltrinelli, sta riscuotendo un ottimo successo grazie al passaparola. “In libreria sono già alla seconda ordinazione. Non viaggia con la velocità di un best seller, ma viaggia e questo per un libro non è poco”, commenta Sorrentino.


Info e prenotazioni: prenotazioni@teatroincontrovigevano.com - 351.8589448 (anche whatsapp).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400