Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

lo spettacolo

Un viaggio ai confini di noi stessi: Luca Colli racconta l'Everest

Sabato al teatro di Cilavegna (ingresso libero)

Ilaria Dainesi

Email:

ilaria.dainesi@ievve.com

12 Maggio 2022 - 07:00

Un viaggio ai confini di noi stessi: Luca Colli racconta l'Everest

La testimonianza di un’impresa sportiva straordinaria. Ma anche, e soprattutto, una storia universale e un racconto di crescita umana e filosofica. È lo spettacolo che andrà in scena sabato sera, alle 21, al teatro polifunzionale di Cilavegna (ingresso libero), dal titolo “Torno subito. Luca Colli racconta l’Everest”.
Lo skyrunner vigevanese, dopo aver scalato le dieci cime più alte di tutti i continenti, sarà il protagonista di uno spettacolo realizzato con Corrado Gambi, che ne firma la regia.

Corrado Gambi è attore, regista, autore e formatore teatrale

«Non c’è solo il racconto della scalata del 2019, ma anche di come la montagna abbia cambiato e condizionato la sua vita – riferisce Corrado Gambi – Luca è un personaggio straordinario. Siamo partiti da un suo testo, che sembrava scritto da qualcuno che si occupa di teatro. Davvero stupendo. Ci abbiamo lavorato sopra, costruendoci l’impianto dello spettacolo. Poi abbiamo curato i video realizzati durante le scalate, tagliando moltissimo. Il Covid ha bloccato tutto, e lo spettacolo è stato provato per circa un anno. Luca si è impegnato moltissimo su questo progetto, fino al debutto il 5 marzo a Novara».

L’iniziativa, patrocinata dall’amministrazione comunale, si inserisce in un progetto teatrale più ampio curato da Corrado Gambi – socio fondatori di “Le Tre Corde”, società cooperativa, compagnia teatrale di creazione, produzione e distribuzione di spettacoli ed ente di formazione teatrale – dal titolo “I semi della terra”, incentrato sul territorio e sulla comunità cilavegnese, che coinvolgerà nei prossimi mesi i cittadini anche con laboratori dedicati ad adulti e bambini.

“Torno subito”, come spiega lo stesso Luca Colli, è «il racconto di un bambino asmatico che sognava l’Everest, di un ragazzo di pianura che voleva camminare sopra le nuvole, di un sognatore che non si è mai arreso. Dalle corse in bicicletta tra le risaie e i campi per andare a vedere il Monte Rosa da lontano, alle gite in montagna con il nonno Alpino, alla prima salita a 4000, fino alla vetta dell’Everest, lo spettacolo prende per mano lo spettatore e lo accompagna, attraverso suoni, musica, video, risate e lacrime nell’esperienza di vita di Luca Colli, il primo uomo al mondo a scalare in velocità e senza ossigeno le montagne più alte di tutti i continenti. Uno straordinario viaggio – è la promessa – che ci porta ai confini del mondo e di noi stessi».

"Torno subito": Luca Colli racconta il suo Everest

Straordinario racconto da consumato storytebler: l'alpinista vigevanese incanta la platea.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400