Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

vigevano

La Festa democratica dura più di un mese

Al parco Berlinguer, da sabato 30 luglio

Davide Maniaci

Email:

dade.x@hotmail.it

28 Luglio 2022 - 12:54

La Festa democratica dura più di un mese

Una passata edizione dell’evento più atteso dell’estate vigevanese, ai Piccolini

2022-07-30 10:00:00 2022-09-04 20:00:00 UTC La Festa democratica dura più di un mese www.informatorevigevanese.it

La "Festa Democratica più lunga d'Italia" torna coi suoi capisaldi: il maialino sardo, i ravioli, i menù regionali. Inoltre, visti i tempi che cambiano, il servizio da asporto. Così, da sabato 30 luglio a domenica 4 settembre l’area feste del parco Berlinguer alla frazione dei Piccolini sarà l’epicentro della Vigevano mangereccia. E di quella Dem. Bisogna immaginarsi inoltre il vociare della tombolata, con la chiamata dei numeri e i gessetti (non i fagioli...) per tenere il conto.

I posti sono 500, i volontari impegnati più di 30. Il ricavato della manifestazione sarà destinato al sostegno dell’attività politica del partito e al mantenimento e allo sviluppo del parco Berlinguer, dove oltre alla festa si tiene anche il tradizionale ballo. La balera adiacente ai tavoli infatti sarà attiva ogni giovedì, sabato e domenica dalle 21. Si cena dalle 19 alle 22, ogni giorno. Anche se, in quanto “sagra”, non è obbligatorio, alla cassa hanno deciso comunque di dotarsi di pos.

«La caratteristica - spiegano gli organizzatori - è che ogni giorno della settimana cambia il menù. Sabato 30 s’inizia con la grande cena di pesce. Calamari fritti come piatto forte, oltre alle insalate di mare». Avanti con scelte alla carta, i classici di sempre: i ravioli (del resto Piccolini è la patria della Raviolata), la trippa, le lasagne, il salame sotto grasso, la grigliata con salamelle e braciole. Le patatine fritte. Per la prima volta ecco, a fine pasto, un dolce al cucchiaio realizzato dallo staff in cucina. «Lunedì, anche se non tutti - proseguono gli organizzatori della grande festa estiva - proponiamo il menù regionale, rispettivamente l’8 agosto piatti toscani, il 22 agosto dal Lazio (grandi primi, come l’amatriciana) e il 29 dalla Sicilia. Il maialetto sardo allo spiedo sarà martedì: il 2, 9, 23 e 30 agosto. Il mercoledì tocca come piatto speciale a polenta e asino, il
giovedì alla paella». Venerdì pesce: quindi alla polenta si accompagnerà il merluzzo.

Alla Festa Democratica si pranza, da lunedì a venerdì dalle 12 alle 14 a menù fisso: una carta ristretta da cui scegliere (per 12 euro) un primo, un secondo un contorno acqua e caffè. Allo stesso modo, si può prendere e portare via. Previa prenotazione, l’asporto è possibile dalle 11,30 alle 18,30. Prenotazione: 0381.326542.

«E poi ogni sera c’è la tombolata: una conclusione allegra, dal sapore di una volta, per una festa che, numeri alla mano è attesa da tanti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400