Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

la festa

Laumellum: alla corte di Teodolinda

Oggi, fino a mezzanotte a Lomello, la grande festa longobarda

Annalisa Vella

Email:

annalisa@ievve.com

10 Settembre 2022 - 17:44

Laumellum: alla corte di Teodolinda

Una figurante che impersona Teodolinda

Sarà davvero come andare indietro di 1400 anni. “Laumellum” è la grande festa longobarda di Lomello, borgo che proprio all’epoca della regina Teodolinda vedeva il proprio massimo splendore. Laumellum sarà sabato 10 settembre dalle 14 fino a mezzanotte. Momenti di condivisione che ruoteranno attorno alla rievocazione storica, cuore dell’evento.

Il programma di una manifestazione dalla storia ultradecennale è densissimo. Di solito gli elenchi annoiano, ma questa volta è l’unico modo per far capire la grandiosità di una rievocazione storica nel borgo medievale per eccellenza della nostra zona. Uno scenario che, tra il battistero e il castello, si presta oltremodo.

«Dalle 14,30 - illustra Gabriele Prinelli, presidente della Pro Loco di Lomello - partiranno le iscrizioni al torneo di arcieria. Alle 15 aprirà la mostra “La monetazione nell’antica via delle Gallie” presso l’oratorio di San Rocco). Sempre dalle 15, ecco il torneo di arcieria, la visita guidata al borgo antico e la rievocazione “vita al campo della Regina”». E ancora, alle 16 visita guidata al borgo antico e giochi al campo longobardo, dalle 18,30 premiazione del torneo di arcieria e dalle 19 un’altra rievocazione con l’incontro tra la regina Teodolinda e il duca di Torino.

Si cena alle 19 al punto ristoro del castello grazie ai Maestri della griglia. Sarà il preludio (alle 20) del “banchetto per le nozze della regina” e per il concerto, un’ora dopo, di musica medievale e folk celtico con La Compagnia del Coniglio di Asti, in costume tipico, in piazza Castello e i giocolieri con il fuoco del gruppo Aurora noctis. «Al termine del banchetto, alle 22,30 circa - prosegue Prinelli - alle rovine della basilica verrà allestita una breve pièce teatrale, “Matrimonio reale”. Conclusione con musica e giocolieri con il fuoco, sempre con Aurora noctis».

Proprio i Maestri della griglia meritano un approfondimento. Non tanto per la qualità del cibo, ovviamente ottima, ma per i nomi. Sfogliando il menù si leggono proposte come “Agilulfo” (panino con la salamella), “Agilulfo corretto” (salamella, insalata, peperoni grigliati, cipolla), “Teodolinda“ (panino con insalata, zucchine grigliate, melanzane grigliate, peperoni grigliati, cipolle)” e “Birzolassa” (pane, salamella cipolla rossa di Breme caramellata, pancetta croccante, gorgonzola con contorno di patatine). Insomma, tutto profuma di longobardo, e di salamella. Allo stesso modo, chi va al banchetto reale potrà immergersi nei sapori di un tempo, o perlomeno in presentazioni dal gusto aulico. “Carne magra di suino stagionata di nostra terra al coltello” è il prosciutto, ma vuoi mettere l’eleganza? Bisogna però prenotare al 327.1085241, e i posti rimasti non sono ancora molti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400