Ieri sera in corso Novara

Vigevano: gioca 10 euro, ne vince 300 mila

Umberto Zanichelli

25 Febbraio 2019 - 17:27

Vigevano: gioca 10 euro, ne vince 300 mila

La vincita è avvenuta nella ricevitoria di cui è titolare Pierangelo Garini

Il fortunato giocatore aveva "reinvestito" la vincita effettuata poco prima.

Aveva appena vinto 10 euro con il "Gratta e Vinci" così ha deciso su due piedi di "reinvestirli". E ha fatto benissimo, perché il nuovo tagliando gli ha fruttato una vincita di 300 mila euro. E' accaduto ieri sera al bar-ricevitoria Blue River di corso Novara. «E' la prima volta che registriamo una vincita di questa portata - commenta il titolare, Pierangelo Garini - E dire che quel signore, che ogni tanto gioca da noi, scherzando si era lamentato perché i numeri del tagliando erano alti e pensava di non riuscire a vincere nulla». Invece per lui era pronto il colpo di fortuna.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

Riprendono le "Altre VisionI" al Movieplanet

la rassegna

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

Gli organizzatori durante la conferenza stampa

Vigevano Jazz: concerti gratuiti e grandi nomi

dal 30 aprile

Dark Tales

Dark Tales

Dark Tales in concerto, il ritorno della new wave

Il gruppo post punk stasera, sabato, al circolo Pick Week

Jazz Festival Città di Mortara

Jazz Festival Città di Mortara

sesta edizione

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Giovanni Falzone

Apre Falzone nel segno di Duke Ellington

Bià Jazz festival

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

Il grande prestigiatore (Le avventure di Nessuno) del 1967 di Sarri

Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70

milano pop

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Margherita Cau e Federica Ciminiello

“Benedetta”: quando il teatro è vita

Al Cagnoni