Ha ricoperto l'incarico per un anno e mezzo

Pavia, il saluto del prefetto Visconti: "Lascio con dispiacere questa provincia, terra di straordinario valore"

Umberto Zanichelli

23 Marzo 2019 - 15:45

Pavia, il saluto del prefetto Visconti:  "Lascio con dispiacere questa provincia, terra di straordinario valore"

Il prefetto Attilio Visconti lascia Pavia dopo un anno e mezzo

Guiderà la Prefettura di Brescia. 

Dopo poco più di un anno e mezzo il dottor Attilio Visconti lascia l'incarico di prefetto di Pavia. Ricoprirà lo stesso ruolo a Brescia. "Quello a Pavia è stato un periodo che mi ha dato l’opportunità di conoscere ed apprezzare la cifra distintiva di questo territorio - dice nel suo saluto ufficiale - Una provincia ricca di radicati valori umani, di solide tradizioni democratiche, di partecipazione, di solidarietà, forte di un prezioso spirito di appartenenza, un forte senso del bene comune protesa nella continua tensione verso il progresso sociale e culturale percepiti come il patrimonio di tutti. Uno spirito che, dalla Lomellina all’Oltrepò - prosegue - caratterizza tutte le comunità, animate  dalla ferma consapevolezza dei propri diritti di cittadini e della propria dignità, ma anche dal ruolo attivo che ciascuno è chiamato a svolgere nel consesso umano. Fattori coniugati al fervore di ingegni e di talenti dei suoi abitanti che, con la loro operosità e con la loro tenacia, hanno consentito il conseguimento in tutti i campi di un livello della qualità della vita e di benessere che fanno della provincia pavese una vera terra di primati ed hanno favorito quel tessuto di servizi pubblici felicemente intrecciato con lo spontaneismo associativo, con il volontariato, con il mondo imprenditoriale della produzione del terziario, con la società civile tutta, su cui poggia l’odierna collettività pavese. Desidero, quindi - conclude il prefetto Visconti - rivolgere il più cordiale saluto alla popolazione, ai parlamentari, alle autorità religiose, politiche e militari, alla magistratura al presidente della giunta regionale, ai sindaci, agli amministratori regionali e locali, agli esponenti degli ambienti economici, imprenditoriali e produttivi, ai rappresentanti delle organizzazioni dei lavoratori, ai responsabili e agli operatori degli organismi di informazione, alle organizzazioni ed associazioni di volontariato: culturali, sportive, ricreative e dei servizi; ed ai dirigenti dei servizi pubblici insieme ad un sentito grazie per quello che in questo anno e mezzo mi hanno trasmesso, agevolando lo svolgimento delle funzioni affidatemi. Lascio con dispiacere questa provincia alla quale auguro, anche per gli anni a venire, un futuro denso di soddisfazioni, nel segno della prosperità, della crescita, dello sviluppo per affrontare le sfide del domani".

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

Pavia, manutenzione del verde: le criticità

il sopralluogo

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

Conferita la Gran Croce ad Angelo Grassi

oggi a mede

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

Eleonora Braghieri, passione cosplayer

pavia

Mede, festa in piazza per i diciottenni

Mede, festa in piazza per i diciottenni

ieri

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

Oasi di Sant'Alessio, la riapertura

natura

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

Anticorruzione e buon andamento della pubblica amministrazione

pavia

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

Marisa Mulazzi, miss mamma 2018, è ancora in gara

voghera

Trenini turistici, si torna a bordo

Trenini turistici, si torna a bordo

pavia

Teatro Fraschini, via ai restauri

Teatro Fraschini, via ai restauri

pavia