E' il quinto importatore mondiale di vino

ll Pinot Nero dell’Oltrepò pavese conquista il mercato cinese

Umberto Zanichelli

10 Agosto 2019 - 17:43

ll Pinot Nero dell’Oltrepò pavese conquista il mercato cinese

Fabio Mondini (Aspi) al centro e Massimiliano Brambilla (Vigneolcru)

Il 75% della produzione arriva dalla provincia di Pavia.

Il Pinot Nero dell’Oltrepò pavese ha conquistato il mercato cinese, dove in questi ultimi anni alcune aziende oltrepadane stanno sviluppando importanti opportunità commerciali contando su un interesse sempre maggiore del consumatore cinese per questo tipo di vino. La Cina è oggi il quinto paese al mondo per volume di importazione di vini e il quarto in termini di valore assoluto, dimostrazione di una attenzione particolare alla ricerca di vini e prodotti di qualità. L’Italia nel 2018 è stato il quinto Paese al mondo come esportatore di vino in Cina, dietro a Francia, Australia, Cile e Spagna, con particolare gradimento proprio del Pinot Nero, fiore all’occhiello dell’Oltrepò pavese e peraltro uno dei più antichi e nobili vitigni tramandati nella storia.
Prime notizie ufficiali del Pinot Nero vengono riportate dall’imperatore Costantino tra il III e il IV secolo dopo Cristo, mentre nel “De re rustica” del celebre scrittore romano Lucio Columella già se ne trovava menzione nel I secolo dopo Cristo. In Italia le prime coltivazioni di Pinot Nero risalgono al 1865 e la prima esportazione di metodo classico a base di Pinot Nero è avvenuta a New York nel 1912.
Il 75% del Pinot Nero italiano oggi è prodotto nell’Oltrepò pavese, che con i suoi 13.629 ettari vitati rappresenta il 55% della superficie vitata lombarda. Nell’Oltrepò oltre 3mila ettari sono destinati a Pinot Nero, e qui si trova la terza area al mondo di coltivazione di Pinto Nero dopo Champagne (13mila ettari) e Borgogna (9mila ettari).
Da registrare infine che l’Oltrepò pavese è geograficamente attraversato dal 45° parallelo, che tutti gli studi di settore concordano nel definire la miglior longitudine in assoluto per la produzione di grandi vini.

Capofila delle aziende dell’Oltrepò pavese nell’esportazione sul mercato cinese è Vigne Olcru, cantina di Santa Maria La Versa, che nasce come anello di congiunzione tra passione e mondo universitario, dove alla tradizione si sono uniti processi di innovazione, ricerca e sviluppo condotti con l’Università degli Studi di Milano, lo IULM e l’Università Cattolica, attraverso lo sviluppo di sette forme diverse di allevamento, la sperimentazione di 40 cloni differenti di Pinot Nero, l’utilizzo di tecnologie satellitari e il ricorso a tecniche di neuro marketing.
«Siamo partiti con un distributore ad Hong Kong per le aree di Hong Kong, Macau e la provincia del Guangdong, per consolidarci con un altro a Shanghai e un altro a Changchun nella provincia dello Jilin –raccontano Massimiliano e Matteo Brambilla, titolari di Vigne Olcru - Al distributore di Hong Kong, che si è innamorato del nostro progetto, abbiamo ceduto il 2% delle nostre azioni e nel prossimo futuro abbiamo in programma di cederne altre ad altri partner cinesi, mantenendo sempre il controllo della maggioranza e fidelizzando la collaborazione con loro che attualmente già vendono milioni di bottiglie in Cina, principalmente spagnole ed australiane. Nel 2018 abbiamo incrementato del 300% il numero bottiglie vendute in Cina e le previsioni per il 2019 sono di aumentare il numero di bottiglie vendute in Cina di un ulteriore 100%, ponendo le basi per un balzo molto significativo nel 2020».
Un lavoro che parte da lontano e da studi di mercato specifici. «Per inserirci sul mercato cinese abbiamo impiegato tre anni di assiduo lavoro invitando da noi gli importatori e ricambiando più volte le visite da loro, creando innanzitutto un rapporto personale – spiega Brambilla - Inoltre per affrontare il mercato cinese, ospitiamo periodicamente diverse comitive di differenti associazioni, per delle master class sui vini dell’Oltrepò e in particolare proprio sul Pinot Nero». 
Per conquistare mercati come quello cinese occorre un forte gioco di squadra che vede in primo piano istituzioni e realtà di categoria. I rappresentanti di Vigne Olcru infatti hanno stretto una collaborazione e una sinergia forte con Aspi, l’associazione professionale italiana dei sommelier, che nella persona di Fabio Mondini li ha ufficialmente accompagnati più volte in Cina in differenti aree: Guangdong, Shenzhen e Guangzhou; Hong Kong; Macau; Shanghai; Chengdu e Sichuan; Changchun e Jilin. In queste aree hanno incontrato ogni volta più di 500 persone, a cui hanno spiegato e  trasferito la storia e la cultura del Pinot Nero dell’Oltrepò, abbinandolo felicemente con la loro ricca cucina, sia mandarina che cantonese.
«Regione Lombardia e la Commissione Agricoltura stanno approfondendo nuove azioni legislative da mettere in campo a sostegno delle realtà del settore presenti e operative sul territorio regionale, con l’obiettivo di premiare soprattutto le produzioni di qualità e di valorizzare gli strumenti di promozione e internazionalizzazione dei consorzi e dei brand territoriali – evidenzia infine il Presidente della Commissione regionale Agricoltura Ruggero Invernizzi, che in occasione dell’ultima edizione del Vinitaly aveva fatto visita allo stand di Vigne Olcru -  I risultati ottenuti sono sicuramente frutto del grande lavoro nella ricerca della qualità e nell’innovazione dei processi produttivi che in questi ultimi anni hanno caratterizzato la produzione dell’Oltrepò pavese».
 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Tempo libero

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

"Vigevano Photo Friends", quarta edizione

mostra collettiva

"Bacco al Portone" con il gruppo "Zefiro Ensemble"

"Bacco al Portone" con il gruppo Zefiro Ensemble

A Vigevano

A Vigevano il "Rolling Truck Street Food Festival"

A Vigevano il "Rolling Truck Street Food Festival"

ieri l'inaugurazione

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

Brughiera in festa: il grande spettacolo pirotecnico

sabato sera

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Da Beethoven a Joaquín Rodrigo

Domenica al teatro Cagnoni

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

“Papà”, una commedia per le detenute-attrici

Al teatro Cagnoni

La vigevanese Carolina Stramare eletta Miss Lombardia

La vigevanese Carolina Stramare eletta Miss Lombardia

Il titolo

“Artificio di Coscienza”, premiato a Madrid il corto sulla violenza alle donne

“Artificio di Coscienza”, premiato a Madrid il corto sulla violenza alle donne

cinema

PaoloMorabito

Le storie di Zeno nel nuovo libro di Paolo Morabito

#Vigevano, il veterinario-scrittore lancia il crowfounding per il prossimo romanzo