Vigevano, al PalaMussini incontro col Professore: parlerà della lotta dei sovietici al nazifascismo

Con Barbero le battaglie e la storia

Sarà martedì 25 alle 17,30.

Davide Maniaci

21 Febbraio 2020 - 16:35

Con Barbero le battaglie e la storia

Alessandro Barbero

In inglese si chiama “turning point” e rende molto meglio del nostro “momento di svolta”. Vengono in mente una manciata di episodi nella storia dell’uomo, come Stalingrado, la battaglia tra il ‘42 e il ‘43 vinta dalle forze dell’Unione Sovietica contro la Germania nazista e i suoi alleati. Sarà questo il tema del ritorno in Lomellina di Alessandro Barbero. Il docente universitario di storia sarà martedì 25 alle 17,30 all’auditorium Mussini di viale Libertà, a Vigevano, per la conferenza “La battaglia di Sta- lingrado e l’assedio di Leningrado: la lotta dei sovietici al nazifascismo che cambiò le sorti della Seconda Guerra Mondiale”. L’ingresso è libero. Barbero verrà intervistato dal saggista Giorgio Riolo, mentre l’incontro sarà presieduto da Roberto Guarchi del collettivo culturale “Rosa Luxemburg” - Rete delle Alternative di Vigevano, che organizza in collaborazione con il circolo di Vigevano di Rifondazione comunista. «Parlare della battaglia di Stalingrado - anticipa Barbero - significa affrontare il discorso degli “avvenimenti decisivi”. Il concetto è ambiguo. Molti dicono che in quei momenti “la storia abbia preso un altro corso”. In realtà anche se i tedeschi avessero vinto a Stalingrado, avrebbero perso la guerra comunque. La coalizione dei loro avversari era troppo superiore. Quello che è davvero cambiato dopo la loro sconfitta è stata la percezione. da quel momento anche le forze dell’Asse avevano compreso che non ce l’avrebbero più fatta, in nessun modo. Ricostruendo la Seconda guerra mondiale i “momenti decisivi” sono proprio quelli. Stalingrado, la battaglia delle Midway tra americani e giapponesi, El Alamein. Il paragone con napoleone è giusto. Se lui avesse vinto a Waterloo, l’anno dopo sarebbero entrati in campo russi ed austriaci e lo avrebbero battuto comunque. Ma Napoleone ha perso e dalla stessa sera aveva capito che il trono era stato perso, per sempre». Quello del «cosa sarebbe successo se...» è uno dei concetti più affascinanti della storiogra a, e col senno di poi sono bravi tutti. Diventa tutto ancora più interessante se ad approfondirlo è il più grande divulgatore italiano sul tema. «Tutti cre- dono che un leader abbia una visione del mondo più ampia - conclude Barbero - ma evidentemente non è così. Altrimenti Hitler e soprattutto Mussolini non si sarebbero imbarcati in una guerra senza alcuna speranza di vittoria».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

L'omaggio di Marco Clerici a Vito Pallavicini

in musica

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

"Un'estate normale": il videoclip del nuovo singolo di Nek

IL NUOVO SINGOLO ESTIVO

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

Oltrepo pavese, le 100 meraviglie (+1)

libri

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Artisti pavesi omaggiano il Sommo Poeta

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

Vuoi far parte dell’Orchestra Giovanile Ducale?

l'iniziativa

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia