Vigevano, al PalaMussini incontro col Professore: parlerà della lotta dei sovietici al nazifascismo

Con Barbero le battaglie e la storia

Sarà martedì 25 alle 17,30.

Davide Maniaci

21 Febbraio 2020 - 16:35

Con Barbero le battaglie e la storia

Alessandro Barbero

In inglese si chiama “turning point” e rende molto meglio del nostro “momento di svolta”. Vengono in mente una manciata di episodi nella storia dell’uomo, come Stalingrado, la battaglia tra il ‘42 e il ‘43 vinta dalle forze dell’Unione Sovietica contro la Germania nazista e i suoi alleati. Sarà questo il tema del ritorno in Lomellina di Alessandro Barbero. Il docente universitario di storia sarà martedì 25 alle 17,30 all’auditorium Mussini di viale Libertà, a Vigevano, per la conferenza “La battaglia di Sta- lingrado e l’assedio di Leningrado: la lotta dei sovietici al nazifascismo che cambiò le sorti della Seconda Guerra Mondiale”. L’ingresso è libero. Barbero verrà intervistato dal saggista Giorgio Riolo, mentre l’incontro sarà presieduto da Roberto Guarchi del collettivo culturale “Rosa Luxemburg” - Rete delle Alternative di Vigevano, che organizza in collaborazione con il circolo di Vigevano di Rifondazione comunista. «Parlare della battaglia di Stalingrado - anticipa Barbero - significa affrontare il discorso degli “avvenimenti decisivi”. Il concetto è ambiguo. Molti dicono che in quei momenti “la storia abbia preso un altro corso”. In realtà anche se i tedeschi avessero vinto a Stalingrado, avrebbero perso la guerra comunque. La coalizione dei loro avversari era troppo superiore. Quello che è davvero cambiato dopo la loro sconfitta è stata la percezione. da quel momento anche le forze dell’Asse avevano compreso che non ce l’avrebbero più fatta, in nessun modo. Ricostruendo la Seconda guerra mondiale i “momenti decisivi” sono proprio quelli. Stalingrado, la battaglia delle Midway tra americani e giapponesi, El Alamein. Il paragone con napoleone è giusto. Se lui avesse vinto a Waterloo, l’anno dopo sarebbero entrati in campo russi ed austriaci e lo avrebbero battuto comunque. Ma Napoleone ha perso e dalla stessa sera aveva capito che il trono era stato perso, per sempre». Quello del «cosa sarebbe successo se...» è uno dei concetti più affascinanti della storiogra a, e col senno di poi sono bravi tutti. Diventa tutto ancora più interessante se ad approfondirlo è il più grande divulgatore italiano sul tema. «Tutti cre- dono che un leader abbia una visione del mondo più ampia - conclude Barbero - ma evidentemente non è così. Altrimenti Hitler e soprattutto Mussolini non si sarebbero imbarcati in una guerra senza alcuna speranza di vittoria».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Pavia, la S. Messa dalla Cattedrale e la benedizione da Piazza Vittoria

Pavia, la S. Messa dalla Cattedrale e la benedizione da Piazza Vittoria

oggi domenica 29 marzo

Coronavirus: quali effetti sul commercio?

Coronavirus: quali effetti sul commercio?

ascom pavia

Pavia-Hildesheim, 20 anni di gemellaggio

Pavia-Hildesheim, 20 anni di gemellaggio

pavia

Davide Ferro: "Un messaggio di positività"

Davide Ferro: "Un messaggio di positività"

L'intervista video

Contrasto alla ludopatia, assistenza anche in emergenza coronavirus

Contrasto alla ludopatia, assistenza anche in emergenza coronavirus

La logisitca CRI per la Lombardia, gestita a Valle Lomellina

La logisitca CRI per la Lombardia, gestita a Valle Lomellina

sala operativa regionale

“Giovani, state a casa”, l’appello dell’assessore Cantoni

“Giovani, state a casa”, l’appello dell’assessore Cantoni

pavia

Uscite ingiustificate: nuovo appello del Comune di Pavia

Uscite ingiustificate: nuovo appello del Comune di Pavia

Dentisti: come comportarsi in questo periodo?

Dentisti: come comportarsi in questo periodo?

il consiglio