L'episodio

Gambolò, il Comune lo aveva aiutato mentre era in Cina: lui dona 400 mascherine

L'uomo aveva perso dei documenti prima di partire per un viaggio d'affari.

Ilaria Dainesi

15 Aprile 2020 - 21:12

Perde i documenti prima di un viaggio d'affari, il Comune glieli spedisce in Cina: lui ringrazia con una donazione

Aveva perso alcuni documenti proprio prima di partire per la Cina, dove doveva recarsi per lavoro. E, così, il signor Wu, cittadino cinese residente a Gambolò, si è rivolto al personale del Municipio. Grazie alla disponibilità degli impiegati dell’ufficio anagrafe, che gli hanno poi inviato la documentazione necessaria in Cina, ha potuto portare a termine i suoi impegni all’estero. E, per ricompensare il Comune, ha donato 400 mascherine che saranno distribuite ai cittadini. «Un bellissimo gesto» ha commentato il sindaco di Gambolò Antonio Costantino.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

e-book

Donazione della Protezione Civile di Sartirana all'AGAL

Donazione della Protezione Civile di Sartirana all'AGAL

il video

La campanella torna a suonare: bimbi nuovamente a scuola

La campanella torna a suonare: bimbi nuovamente a scuola

Pavia

Pieve del Cairo: la consegna borse di studio

Pieve del Cairo: la consegna borse di studio

In arrivo importanti fondi per l'Università di Pavia

In arrivo importanti fondi per l'Università di Pavia

Pavia

Natale a Pavia, la solidarietà verso i più deboli

Natale a Pavia, la solidarietà verso i più deboli

Vigevano: lungo il naviglio scorre... l'immondizia

Vigevano: lungo il naviglio scorre... l'immondizia

Il filmato è stato realizzato questa mattina da un nostro lettore in via Raffaello

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

La corretta alimentazione durante il periodo del Covid

e-book

Vigevano, saturimetri distribuiti in farmacia: facciamo chiarezza

Vigevano, saturimetri distribuiti in farmacia: facciamo chiarezza

l'iniziativa