L'intervento

MiMoAl: sbagliato vietare il trasporto delle bici sui convogli Trenord

L'associazione pendolari: «Il mondo va verso una mobilità più sostenibile, l'azienda va nella direzione opposta».

Ilaria Dainesi

07 Giugno 2020 - 14:34

MiMoAl contro la decisione di vietare le bici sui convogli Trenord

Trenord ha motivato la scelta spiegando che la presenza di un elevato numero di biciclette a bordo dei treni rende impossibile garantire la sicurezza dei viaggiatori e il rispetto delle norme in vigore: «Il fenomeno dei riders ha raggiunto livelli numerici insostenibili a ogni ora del giorno, impossibile mantenere il distanziamento».

Di seguito il comunicato di MiMoAl, l'associazione dei pendolari della linea Milano-Mortara-Alessandria. Contro la decisione di Trenord, è stata promossa anche una petizione sulla piattaforma on-line Change.org: https://www.change.org/p/trenord-no-alla-sospensione-del-trasporto-delle-bici-sui-treni-trenord?fbclid=IwAR1kjRVodCvbQqS0fc4D3gMEThENzuUYUuTdg4knEJfqd5a1Be9a1NL2Qgc

«Trenord ha deciso di sospendere il servizio biciclette, come potete leggere nel comunicato stampa STOP ALLE BICI A BORDO TRENO: TROPPI “ASSALTI” PREGIUDICANO LA SICUREZZA. La sintesi dell’articolo è che la sicurezza sui treni è compromessa quotidianamente e Trenord, ammettendo la propria incapacità a gestire questa emergenza nell’emergenza, ha deciso per un drastico “No Bici a bordo”. No Bici=> no Emergenza, almeno questo è quello che pensa la dirigenza responsabile del provvedimento, perché con una lettera firmata da diverse sigle sindacali del personale viaggiante o “Front Line”, questa decisione potrebbe rendere l’emergenza ancora più acuta e rendere i viaggi in treno un vero e proprio calvario di ritardi e chiamate alle autorità giudiziarie.
Da pendolari con esperienza decennale, sappiamo bene che questa decisione è come gettare benzina sul fuoco. Mentre il mondo va verso una mobilità più sostenibile, vengono predisposti “Bonus Bici”, piste ciclabili, Trenord va nella direzione diametralmente opposta. Con carrozze vecchie, i vivalto, che sono i treni più nuovi hanno almeno 15 anni, con una composizione non allineata alle esigenze dell’utenza.
Il problema dell’utenza è complesso, l’utenza che utilizza la bici è spinta da diverse scelte. Alcuni utilizzano una bici per scelta salutistica, altri per ridurre il numero di mezzi da utilizzare nel viaggio casa-lavoro, chi usa la bici come mezzo di lavoro e infine chi utilizza la bici come mezzo per viaggi turistici o spirituali. Il problema grosso deriva dalle persone che lavorano per aziende di consegna. Questi schiavi (pagati 3€ a consegna) rientrano in massa con i treni della tarda sera.
Basta viaggiare su un treno della sera tarda con il popolo dei “Bikers” per rendersi conto della situazione.
Questi lavoratori scendono in moltissimi tra Parona Lomellina e Mortara.
Durante il viaggio il passaggio tra le carrozze è parzialmente o totalmente ostruito, rendendo difficoltoso il passaggio tra uno scompartimento e l’altro, spesso anche la discesa dal treno diventa problematica. Non dimentichiamo che i “Bikers” sono per la maggior parte dei lavoratori sfruttati.
In conclusione, si ha il timore che questo divieto di portare le bici a bordo treno porterà a moltissimi disagi e tensioni tra i pendolari. Ancora una volta Trenord non perde l’occasione per mostrare il suo sguardo miope al futuro ed alle esigenze reali dell’utenza».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Zimbo93

    09 Giugno 2020 - 07:45

    Vergognosi e normale la gente si accumuli... Hanno tolto le corse... Se già un ora tra un treno e l altro era tanto.. Con 2 ore di attesa tra un treno e l altro, la gente si accumula.. La tratta Milano Mortara è davvero imbarazzante... Farei prendere questi treni a qualche dirigente trenord..

    Report

    Rispondi

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia