Vigevano, oggi il primo evento online per il Giorno della Memoria

“Il gran circo della storia e del destino”

Alle 17 sulle pagine Facebook della biblioteca civica, della biblioteca dei ragazzi e di ReteCultura Vigevano.

Davide Maniaci

23 Gennaio 2021 - 10:25

“Il gran circo della storia e del destino”

La locandina

Non un solo Giorno ma una “Settimana della Memoria”, con tanti eventi e quattro nuove pietre d’inciampo da posare (quando si potrà) in due paesi lomellini, Pieve Albignola e Lomello. L’epicentro è il 27 gennaio: 76 anni fa l’Armata Rossa liberava il campo di concentramento di Auschwitz, simbolo dell’orrore nazifascista.

Si parte oggi, sabato 23. Tutto verrà trasmesso sulle pagine Facebook della biblioteca civica, della biblioteca dei ragazzi e di ReteCultura Vigevano. Proprio la sinergia tra queste realtà e il Comune di Vigevano ha permesso di organizzare tutto. Alle 17 sarà il turno dell teatro di figura, una forma ancora poco usata nella nostra realtà. Il professor Luigi Alcide Fusani ha rielaborato il testo di Hanuš Hachenburg, poeta ceco morto nel lager di Birkenau a 15 anni e natl nel 1929 a Praga. “Il gran circo della storia e del destino” verrà trasmesso senza pubblico dalla Sala dell’Affresco del Castello di Vigevano, ed è rivolto soprattutto a un pubblico dai 9 ai 14 anni.

"In un momento imprecisato del secolo scorso - recita la trama - in uno stato imprecisato d’Europa, un feroce tiranno, Analfabeta Boccaccia primo, erede di una dinastia di tiranni forse altrettanto ignoranti e feroci, scopre che il suo popolo nutre sentimenti di ribellione. Come convincere il suo popolo a smettere di ribellarsi e a tornare a lavorare con disciplina? Accanto ad Analfabeta Boccaccia, si muovono la guardia del corpo dei fedelissimi Cotechini Brutali, comandati dal feroce Testa-di-Morto, sempre pronti ad eseguire gli ordini più efferati; il generale Concentrone generoso nell’elargire consigli atroci; la Morte in persona, sempre al lavoro con la sua falce affilata; e poi… lo stregone Pentacolus, l’ebreo Mordechai, l’ambasciatore Santificetur… e il popolo, dove c’è chi si ribella e chi invece è contento di essere perseguitato. Infine, Federicus, il direttore del gran Circo, svelerà il segreto del gran gioco della Storia e del Destino".

“Il grande gioco della Storia e del Destino” è uno spettacolo di teatro di figura da tavolo, una delle tante forme di teatro di figura molto diffusa da secoli, nel resto d’Europa, molto meno praticata in Italia. Il narratore, fa agire le figure su un tavolo, davanti a una scenografia minima o addirittura assente. Lo spettacolo è essenziale e ridotto al minimo, e quindi è destinato a un pubblico limitato e raccolto: 25 spettatori al massimo. Il grande gioco della Storia e del Destino, è liberamente ispirato al testo, per il teatro dei burattini, “Abbiamo bisogno di un fantasma” di Hanuš Hachenburg; un giovanissimo poeta ceco, di origine ebraica che fu deportato, dapprima nel campo di Terezin e successivamente ad Auschwitz-Birkenau dove trovò la morte, nelle camere a gas, nel luglio 1944, quando non aveva ancora quindici anni.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

Scuole di danza e palestre: a breve la riapertura

pavia

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia