#Vigevano, Alberto Vincenzi racconta i segreti di OruKayak

Sembra una cartelletta, è una canoa pieghevole e leggerissima

L'istruttore è il primo in Italia a credere nel progetto.

Davide Maniaci

28 Aprile 2021 - 12:36

Vista così sembra una cartelletta di disegno tecnico, di quelle imprescindibili alle scuole medie per trasportare fogli, squadra, compasso. Poi in pochi movimenti si apre e diventa una canoa. Nessuno in Italia aveva ancora creduto in Oru Kayak, le “canoe pieghevoli” made in California. Sono fatte in monofoglio di policarbonato, pesano dieci chili, si possono portare ovunque.

Alberto Vincenzi, coordinatore tecnico di AqQua Canoa e Rafting, associazione sportiva con base sul Ticino, presso la bellissima centrale idroelettrica Ludovico il Moro, ne possiede una. La flotta arriverà a tre.

(articolo completo su L'Informatore del 22 aprile)

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su L'informatore

Caratteri rimanenti: 400

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

Blue Rose Donna, l'associazione che tutela le donne vittime di violenza

san martino siccomario

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

Un corso di meditazione per gli studenti di Medicina

pavia

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

Corso di laurea in Odontoiatria: l’importanza della pratica in presenza

pavia

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Incidente stradale a Cassolnovo: le immagini dei soccorsi

Il video

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Il CAV Pavia lancia un importante appello

Pavia

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Sabato sera, la situazione in centro storico a Vigevano

Zona gialla

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Il regista Giuseppe Di Giorgio annuncia due progetti imminenti

Pavia

Covid, neo laureata subito in campo

Covid, neo laureata subito in campo

Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Giovanni Merlino, presidente di Federalberghi Pavia

Il grido di dolore del settore alberghiero

Pavia